La luce trasforma il Refettorio Ambrosiano

Artemide_Refettorio Ambrosiano_sala mensa_lampade Nur_Una ProIl Refettorio Ambrosiano – nel teatro parrocchiale del quartiere Greco di Milano – è stato ristrutturato e trasformato per accogliere persone che hanno bisogno di aiuto e dove chef stellati cucineranno le eccedenze di Expo.

All’interno dello spazio architettonico, la luce naturale è importante e caratterizzante nelle diverse ore del giorno. Il progetto di illuminazione messo a punto da Artemide è perfettamente integrato nello spazio, dialoga con il ritmo naturale ed è di supporto nel momento in cui la luce del sole cala.

Il progetto, con luci a led firmate da Carlotta de Bevilacqua, si articola principalmente nell’ingresso,
nella sala mensa e negli spazi perimetrali.
Nell’ingresso gli ospiti del refettorio vengono accolti dalle lampade Copernico: sculture luminose leggere e flessibile nello spazio.
Nella sala mensa, sui dodici tavoli firmati da nomi importanti del design contemporaneo, le lampade
Nur, progettate da Ernesto Gismondi, dalla caratteristica forma a campana, sono dislocate a due per
tavolo come simbolo di un paesaggio quasi domestico, di privacy e raccoglimento.
Le lampade Una Pro mettono in risalto le magnifiche opere e gli affreschi presenti.
La luce di Artemide è, inoltre, protagonista anche nell'area delle cucine e negli spazi di servizio.

Informazioni su Alessia Varalda 504 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.