I migliori “ingredienti” per l’automazione industriale

Automazione industrialeQuali saranno gli orientamenti dell’automazione industriale, di macchina e di processo, nel prossimo futuro, in cui le tecnologie operative e quelle digitali s’integreranno in modo sempre più stretto per ottenere migliori prestazioni, efficienza e risultati? Gli operatori del settore potranno trovare le giuste risposte dal 16 al 18 settembre, all’Autodromo di Monza, nel corso della prima edizione di Sacchi Automation Forum.

E tra i venticinque partner espositori, Schneider Electric fornirà il proprio contributo per aiutare i visitatori ad intraprendere il percorso verso la nuova era della “fabbrica 4.0”.

«Schneider Electric propone un concetto di evoluzione dell’automazione incentrato sulla semplicità: semplicità che si ottiene attraverso l’innovazione costante di prodotti in grado di rispondere alle diverse esigenze dei settori industriali, sia per quanto riguarda la realizzazione di macchine, sia per quanto riguarda la loro integrazione in processi sempre più guidati e gestiti in modo integrato e interconnesso. Il tutto con la massima focalizzazione sulla sicurezza e sull’efficienza energetica », spiega Lorenzo Garnero, Distributor Marketing Specialist di Schneider Electric. «Partecipare al Sacchi Automation Forum è un’occasione preziosa che ci viene offerta per trasmettere il nostro messaggio e confrontarci insieme anche con gli utilizzatori finali delle nostre soluzioni».

Nel corso dell’evento è previsto anche un ampio programma di convegni e workshop, dedicati, appunto, alle tematiche della sicurezza e dell’efficienza energetica delle macchine e dei sistemi di produzione; nell’ambito di questo programma, Schneider Electric organizzerà un workshop, che sarà ripetuto nei tre giorni della manifestazione (16 settembre, alle ore 14; 17 settembre, alle ore 10; 18 settembre, alle ore 15), dedicato a “Efficienza energetica attraverso un motion control attivo”, nel corso del quale due esperti dell’azienda, Nicola Peli e Davide Zanforlin, illustreranno la necessità dell’efficientamento energetico per l’evoluzione del settore industriale. Come, dove e perché implementare soluzioni motion in fase di progettazione, realizzazione, commissioning e per l’intero ciclo di vita delle macchine? Tra le strade possibili, vi sono le soluzioni di Active Motion Control pensate da Schneider Electric per aiutare gli OEM a rendere le loro applicazioni delle vere e proprie “green machine”, sostenibili e a basso consumo.

Informazioni su Maurizio Gambini 267 Articoli
Ingegnere elettronico, giornalista pubblicista che da molti anni lavora nel settore della comunicazione tecnica.