BTicino: coniugare elettricità e Internet of Things

coniugare elettricità internet of things

coniugare elettricità e internet of things 2Presentata la nuova strategia di BTicino, capofila del Gruppo Legrand in Italia e specialista delle infrastrutture elettriche e digitali dell’edificio: coniugare elettricità e Internet of Things.

In realtà BTicino è già impegnata nella rivoluzione dell’Internet of Things, infatti nel 2014 BTicino e Legrand hanno realizzato 200 milioni di euro di fatturato con oggetti connessi. 

Convinta che l’Internet of Things s’imporrà come standard, BTicino punta oggi ad accelerare lo sviluppo dell’offerta di prodotti connessi lanciando il programma ELIOT, nome nato dalla fusione delle parole ELectricity e dell’acronimo IOT di Internet Of Thingsconiugre elettricità e internet of things
L’Internet of Things da mercato di nicchia si sta trasformando in mercato di massa e Bticino proprio con il programma ELIOT vuole proporsi come il traghettatore verso il nuovo mondo degli oggetti interconnessi. 

“L’Internet of Things sta conquistando praticamente tutti gli aspetti della vita delle persone: dalla salute, ai trasporti, al commercio, al tempo libero e soprattutto la casa e gli edifici per i quali si apre una nuova era. Per BTicino, l’Internet of Things rappresenta un’opportunità per portare maggiore valore ai propri utenti sia privati che professionali. La capacità di comunicare deve aumentare il valore d’uso, garantendo un vero plus a lungo termine”, ha commentato Franco Villani, Amministratore Delegato di BTicino. 

coniugare elettricità e internet of thingsTre sono le direttrici di investimento: connettere prodotti esistenti, aggiungendo gateway all’offerta già disponibile, sviluppare nuovi prodotti nativamente connessi e infine proseguire nella prefigurazione di scenari futuri e di nuove potenziali applicazioni.

Gli oggetti connessi necessitano di reti e infrastrutture sempre più efficienti che permettano loro di comunicare.

I protocolli di interoperabilità sono fondamentali poiché consentono d’integrare sistemi terzi e scambiare dati per apportare benefici supplementari all’utilizzatore.
L’internet of Things porta con sé quattro benefici: semplicità, democratizzazione, personalizzazione, manutenzione.

Semplicità, facilitando ai consumatori la comprensione e la gestione dei dispositivi, eliminado  procedure complesse e libretti d’istruzione, a favore di semplici e comprensibili App. 

Democratizzazione poiché è possibile installare le funzioni evolute all’interno del parco abitativo esistente, senza la necessità di posare complesse infrastrutture.

Personalizzazione poiché tutti i prodotti e i sistemi Bticino sono disponibili in tantissimi materiali, colori, con design accattivanti e adattabili a qualsiasi ambiente.  

Pensiamo infine che in ambito Terziario la connessione rappresenti un’occasione unica per garantire maggiore affidabilità e rapidità di manutenzione, e possa contribuire al lavoro dei tecnici, consentendo di effettuare interventi mirati.

crono termostatoTra i prodotti BTicino ELIOT vi sono ad esempio: 

  • Videocitofono Classe 300 con cui è possibile interagire, anche via smartphone e tablet; 
  • Salvavita Stop & Go che informa a distanza l’utilizzatore di eventuali scatti intempestivi del Salvavita, permettendo la verifica del corretto ripristino del dispositivo; 
  • Cronotermostato Connesso che consente la gestione dell’impianto termico tramite app, semplificando la programmazione delle accensioni e degli spegnimenti;
  • Gestione d’illuminazione, tapparelle avvolgibili, tende e veneziane tramite il gateway del sistema wireless BTicino che rende “intelligenti” anche le case esistenti ed è quindi ideale per ristrutturazioni senza interventi sulle opere murarie;
  • Visualizzazione dei consumi energetici, composta da un insieme di sensori e prese intelligenti, che permette di misurare il consumo energetico, di seguirne l’evoluzione e di ideare scenari di risparmio, in locale e da remoto.

Le soluzioni basate su Internet of Things devono essere in grado di comunicare tra loro, per questa ragione è importante riuscire a parlare un linguaggio comune. BTicino e il Gruppo Legrand sono attive all’interno delle alleanze internazionali quali AllSeen Alliance (che punta a definire standard di comunicazione ed interoperabilità) e ZigBee Alliance, standard di comunicazione senza fili dell’edificio.

Nell’ambito di ELIOT, il Gruppo intensifica le partnership con start-up di punta dell’innovazione con l’obiettivo è potere arricchire le applicazioni quali la gestione dell’energia, del clima, o l’assistenza all’autonomia.

 

 

Informazioni su Alessia Varalda 562 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.

1 Trackback / Pingback

  1. Classe 300X13E: sempre in contatto con l’abitazione

I commenti sono bloccati.