Recupero dei metalli nobili dai rifiuti elettronici (RAEE)

riciclo e riuso dei rifiuti elettronici

rifiuti elettroniciNel mese di febbraio è partito un bando di gara di “Critical Raw Material Closed Loop Recovery” per incentivare lo sviluppo di progetti innovativi e tecnologie di raccolta dei rifiuti elettronici e recupero ed estrazione dei metalli e componenti nobili. 

Il progetto – attivo in Italia, Germania, Regno Unito e Turchia – è promosso da European Recycling Platform, un sistema collettivo nella gestione dei RAEE e degli RPA, in collaborazione con WRAP, EARN (European Advanced Recycling Network), Wuppertal Institute, KTN (Knowledge Transfer Network) e il contributo del fondo d’investimento europeo Life.
Critical Raw Material Closed Loop Recovery vuole incrementare del 5% il recupero dei componenti preziosi entro il 2020.

Quali sono i componenti recuperabili? E presenti nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE)? Grafite, cobalto, antimonio, tantalio, terre rare, argento, oro e platino. 

I rifiuti elettronici (RAEE)

rifiuti elettroniciOgni anno vengono prodotti 9,9 milioni di tonnellate di RAEE nei paesi dell’Unione Europea, e solo il 30% segue la filiera virtuosa del riciclo e del riuso con un recupero che non supera l’1% per i metalli nobili e i componenti preziosi. 

Aperto a privati e consorzi, Critical Raw Material Closed Loop Recovery si pone l’obiettivo di individuare le innovazioni di processo che possano rendere produttivo e sostenibile il recupero delle materie prime e puntare a un’organizzazione mirata della raccolta dei rifiuti elettronici. 

C’è tempo fino al 7 aprile 2016 per partecipare alla gara, le informazioni sul sito internet del progetto. 

riciclo e riuso dei rifiuti elettronici“Critical Raw Material Closed Loop Recovery” è un progetto fortemente innovativo perchè si basa sulla collaborazione tra realtà internazionali che hanno sviluppato competenze, conoscenze e network complementari nell’ambito dell’economia circolare.” sottolinea Umberto Raiteri, Presidente e CEO di ERP SAS. Intendiamo dimostrare concretamente come questa sia l’unica alternativa percorribile al ciclo economico tradizionale, fondandosi sul principio di mantenere in uso ogni risorsa il più a lungo possibile, sfruttandone integralmente le potenzialità, per poi recuperarla a fine vita.”  

Alberto Canni Ferrari, Country General Manager di ERP Italia evidenzia “Sono convinto che la partecipazione italiana al bando di gara ci permetterà di condividere e ottimizzare le risorse intellettuali, ingegneristiche e industriali di cui disponiamo.”     

European Recycling Platform (ERP) 

ERP Italia è tra i principali Sistemi Collettivi che si occupano della gestione a norma dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), degli RPA (Rifiuti da Pile e Accumulatori) e dei rifiuti da pannelli fotovoltaici in tutta Italia.  ERP Italia è la filiale italiana di ERP – European Recycling Platform, il Sistema Collettivo europeo.

bando di gara rifiuti elettronici

Informazioni su Alessia Varalda 566 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.