Smart metering: a che punto siamo?

smart metering

smart meteringCon il termine smart metering si intende un sistema di misura centralizzato e automatizzato attraverso il quale dispositivi intelligenti consentono di massimizzare le prestazioni di misura, realizzare efficienza energetica e garantire vantaggi per i consumatori finali.

Realizzare un sistema di smart metering, quindi, significa creare una rete intelligente attraverso la quale un sistema di misurazione evoluto ed efficiente è in grado di attuare automazioni, telecontrollo e telegestione dei contatori d’utenza.

Un sistema di smart metering si compone di:

  • contatori intelligenti – smart meters – che forniscono una misura affidabile;
  • una rete di comunicazione intelligente; 
  • un sistema centrale intelligente in grado di raccogliere le informazioni proveniente dai misuratori, di validarle e di attivare i processi informatizzati di controllo delle utenze remote e, infine, procedere alle emissione delle bollette.

Lo smart meter è, quindi, un dispositivo intelligente basato su tecnologie di misura evolute, equipaggiato di un sistema integrato di comunicazione in grado di interfacciarsi con la rete di comunicazione e di trasmettere i dati in accordo con gli standard tecnici vigenti. 
Lo smart metering rappresenta una modernizzazione del Paese aprendo il mercato alle nuove tecnologie e offrire – a tutti gli attori della filiera – i vantaggi che ne derivano.


I benefici dello smart metering

smart metering“I contatori intelligenti rappresentano uno strumento per misurare in maniera affidabile e accurata i consumi energetici effettivi, fornendo anche informazioni sul reale tempo di utilizzo. Questa tecnologia rende possibile la regolazione individuale dei consumi, la loro ottimizzazione e la razionalizzazione degli sprechi. I vantaggi per l’utente sono innegabili e si misurano appunto in termini di maggior trasparenza e valutazione puntuale ed immediata dei consumi” come sottolineato da Diego Gajani, responsabile del Gruppo Smart Metering Anie, durante il convegno “Monitorare per Ridurre” a MCE 2016.

Un altro vantaggio è dato dall’accuratezza del rilevamento: lo smart metering è un sistema più preciso di quello tradizionale, i consumi rilevati sono memorizzati e contabilizzati in base al tempo di utilizzo. Il contatore smart misura il consumo puntuale avvenuto in una certa ora di un certo giorno e lo memorizza, con lo scopo di rendere disponibile una curva di consumo storica per il cliente e di gestire una fatturazione basata su più tariffe, in base alle differenti fasce orarie.

Ma quali sono i 3 gli obiettivi principali?

Efficienza energetica e riduzione dei consumi, attraverso informazioni aggiornate ai clienti, tali da consentire agli stessi di regolare il proprio consumo.

Spinta verso la liberalizzazione della vendita di energia, attraverso maggiori informazioni sui consumi e la possibilità di creare offerte mirate verso alcuni segmenti di clientela con profili di consumo specifici.

Tutela dei clienti rispetto a una fatturazione equa, ed accurata, basata sul consumo effettivo

Stato dell’arte dello smart metering in Europa e in Italia

smart meteringPer quanto riguarda il comparto dell’elettricità sono 282 milioni i clienti e 16 stati membri – tra cui l’Italia – procederanno o hanno già proceduto all'introduzione su vasta scala di circa 160 milioni di smart meters; altri 11 Stati membri hanno in corso valutazioni o introdurranno smart meters in modo più progressivo.

Per quanto riguarda il comparto gas sono 118 milioni i clienti e solo 6 stati – tra cui l’Italia -hanno deciso di introdurre 47 milioni di gas smart meters su vasta scala entro il 2020 o prima.

Per quanto riguarda l’Italia, il 100% dei clienti possiede un contatore intelligente di prima generazione per l’energia elettrica e da luglio 2016 Enel procederà alla sostituzione con contatori di seconda generazione.
Per quanto riguarda il gas l’80% dei 450.000 clienti commerciali e industriali possiede un smart meter, mentre in ambito residenziale solo il 10% dei 21.5 milioni di utenti ne è dotato.  

Diego Gajani ha sottolineato come” l’adozione di smart meter per l’Energia, intesa come elettricità + gas, sia un trend evidente e una realtà ineludibile da qui a 10 anni. Ma è necessario contribuire a un cambiamento dei comportamenti degli utenti attraverso tariffe differenziate e bollette effettive (la telefonia mobile è un esempio); vera disponibilità di dati e sintesi sui consumi, su smartphone, PC, tablet, smart TV…; interfacciamento verso dispositivi del cliente per controllo e ottimizzazione dei consumi.
In Italia e UK, i due paesi guida in Europa sullo smart metering, si iniziano a definire le funzionalità nei contatori per la messa a disposizione di dati per il cliente e di canali di comunicazione, aprendo di fatto a un interfacciamento tra smart meter e dispositivi del cliente”.

Informazioni su Alessia Varalda 637 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.

1 Trackback / Pingback

  1. Internet of Things diventa “grande” - ElettricoMagazine

I commenti sono bloccati.