Smart heating: un approccio integrale

convegno Viessmann Smart heating

convegno Viessmann Smart heatingLe normative messe in campo per il risparmio energetico e i vincoli di minimo utilizzo di fonti rinnovabili – nelle nuove costruzioni – hanno lanciato nuove sfide nel mondo della progettazione impiantistica.

E’ sempre più alta l’attenzione verso nuove soluzioni impiantistiche che rispettino i limiti imposti: soluzioni smart si stanno, dunque, affermando volte a migliorare il comfort dell’utente finale. In tal senso l’approccio alle nuove sfide non si può limitare a considerare il comfort nei singoli ambienti tramite l’utilizzo dei termostati o cronotermostati smart.

Nella nuova era della digitalizzazione i prodotti e i sistemi saranno sempre più connessi alla rete: sarà, così, necessario un approccio integrale, valutando tutti i componenti che contribuiscano alla classificazione energetica dell’edificio.

smart heatingNell’ambito delle caldaie a condensazione fino a 35 kW, la progettazione ha cercato soluzioni che ampliassero il campo di modulazione per perseguire l’ampia variabilità dei carichi termici. La tecnica ha spinto i generatori di calore a campi di modulazione prossimi a 1:10, considerando anche le variazioni delle prestazioni, in funzione delle differenti condizioni di utilizzo. 

smart heating

Le sfide possibili

Davvero non è possibile aumentare il campo di modulazione senza inficiare l’efficienza energetica della caldaia?

E’ questo il tema affrontato da Eddy Guazzo di Viessmann Italia nel corso del suo intervento L’evoluzione dei generatori di calore e dei sistemi di gestione degli impianti di riscaldamento durante il convegno Direttiva Res, quota rinnovabili ed etichettatura energetica, organizzato da Viessmann, svoltosi in Mostra Convegno Expocomfort.

smart heating efficienzaLa soluzione per avere campi di modulazione ancora più ampi è la misurazione della portata massima dell’aria comburente attraverso un debimetro, un dispositivo che misura la quantità d’aria aspirata e la sua densità, posto sull’ingresso aria, in prossimità del ventilatore.

Viessmann ha introdotto il nuovo sistema Lambda Pro Control Plus che consente di arrivare a una modulazione fino a 1:20, con un adattamento automatico in base al carico minimo, per soddisfare la variabilità dei carichi termici e assicurare il massimo comfort. “Con un campo di potenzialità pari a 1.8-35 kW riferito alla potenza di un singolo generatore si soddisfa ad esempio la richiesta di DHW e al tempo stesso i bassi carichi termici richiesti nei nuovi edifici”.

Tra i vantaggi anche la regolazione automatica dell’aria comburente in condizioni diverse (lunghezze tubo fumi/altezza dal livello del mare) con prestazioni quindi garantite al 100% in qualsiasi situazione ambientale. 

Smart heating e smart energy: connubio futuro 

Il Sistema garantisce, in assenza di utenza, l’ottimale efficienza energetica attraverso riscaldamento e acqua calda in modalità risparmio, carichi elettrici spenti, attivazione automatica di impianto fotovoltaico in presenza di soleggiamento, remotizzazione dei dati. Prima del rientro, il riscaldamento e l’acqua calda saranno predisposti in modalità comfort e verranno attivati i sensori luce.

smart heating

Autore: Maruska Scotuzzi per ElettricoMagazine  

Redazione
Informazioni su Redazione 500 Articoli
La redazione di ElettricoMagazine è composta da esperti di settore e technical writers che approfondiscono i temi legati legati all'integrazione impiantistica e connessa, l'energia, il comfort e la sostenibilità.