Come ottenere un miglioramento dell’efficienza energetica?

Qundis per l'efficienza energetica

Qundis per l'efficienza energeticaIl problema del miglioramento dell’efficienza energetica diventa oggi sempre più pressante, alla luce anche del costo crescente dell’energia e della maggiore attenzione al tema della sostenibilità ambientale degli impianti tecnologici.

Per ottenere i migliori risultati, bisogna, però, essere consapevoli delle variabili in gioco, come spiega in questo intervento Antonello Guzzetti, Country Manager italiano di Qundis, azienda all’avanguardia nello sviluppo di sistemi per la raccolta dei dettagli sui consumi energetici, grazie ai propri prodotti progettati su misura per le esigenze dei clienti.

«Bisogna partire da una premessa: com’è possibile gestire al meglio qualcosa di cui non si ha precisa misura? È questo il primo interrogativo che poniamo a chi si lamenta dei propri consumi eccessivi. Il problema principale è che, spesso, manca la consapevolezza di come viene effettivamente utilizzata l’energia consumata. Di conseguenza, viene da sé che, mancando le informazioni, risulta impossibile implementare delle strategie adeguate di risparmio energetico, in quanto il perno su cui ogni altra azione deve essere condotta è una valutazione di come e dove viene utilizzata l’energia».

L’importanza del monitoraggio

Antonello Guzzetti Qundis«Fatto ciò si può iniziare a parlare di risparmio energetico», prosegue Guzzetti. «L’efficienza energetica si ottiene, però, non solo installando dispositivi a supporto, ma anche attraverso un monitoraggio costante dei consumi che permetta di ottimizzare gli stessi. Il monitoraggio è fondamentale in tal senso e interventi di automazione e misura degli impianti – che permettano di misurare, controllare e analizzare l’utilizzo dell’energia – offrono risultati concreti misurabili nel tempo. Gli strumenti di allocazione dei costi consentono di raccogliere, calcolare e rendicontare i costi per edificio e apparecchiatura e promuovere comportamenti mirati al risparmio energetico. Utilizzare i giusti strumenti vuol dire disporre di una corretta informazione e, quindi, avere una panoramica chiara legata a tutti i dati di consumo, quando e dove si desidera; procedere a una lettura facile e veloce per un conteggio finale frequente e corretto ed utilizzare un’architettura aperta, così che il sistema possa essere ampliato per il condominio con tutti gli strumenti che riguardano la contabilizzazione del calore, la contabilizzazione in centrale, la contabilizzazione dell’acqua, il controllo dei fumi e non solo».

L’informazione, segreto del risparmio energetico

«Le tecniche di misura e monitoraggio consentono di essere informati e l’informazione garantisce il massimo ritorno, a lungo termine, sugli investimenti fatti in efficienza energetica», precisa Guzzetti. «Il solo monitoraggio di tutti i propri consumi insieme alla tempestiva informazione dell’utente riduce il consumo di calore fino al 30% e, altro dato essenziale, la sensibilizzazione del consumatore è il provvedimento che richiede il minore investimento possibile, se paragonato ai suoi brevi tempi di ammortamento. Molti ignorano che uno dei maggiori fattori di risparmio è il comportamento dell’utente: parliamo in media di un risparmio sul conteggio finale in base ai reali costi di riscaldamento pari al 20%. Ovviamente, negli edifici di nuova costruzione, il comportamento dell’utente ha un maggiore effetto sul consumo energetico rispetto agli edifici meno recenti, poiché la coibentazione e gli impianti di riscaldamento sono molto più efficaci. Ulteriori effetti di risparmio energetico possono essere riscontrati attraverso la fornitura di informazioni “infra annuali”, con la conseguente possibilità di risparmiare circa un milione di tonnellate di anidride carbonica l’anno. L’unica soluzione per continuare a sensibilizzare il mercato italiano è quello di mostrare ai consumatori mese per mese in cosa possono migliorare, fornendo loro strumenti grazie ai quali sia più frequente la possibilità di avere informazioni, ad esempio per singoli amministratori o per singoli condomini: già nel primo anno il risparmio sarà quantificabile fino al 30%. Il passo successivo è migliorare l’informazione: se le persone possono avere un’informazione personalizzata con il proprio profilo di consumo, agiranno di conseguenza e beneficeranno di un importante risparmio in termini di costi energetici e di riscaldamento».

Redazione
Informazioni su Redazione 501 Articoli
La redazione di ElettricoMagazine è composta da esperti di settore e technical writers che approfondiscono i temi legati legati all'integrazione impiantistica e connessa, l'energia, il comfort e la sostenibilità.