Tre soluzioni per eliminare le vecchie decorazioni luminose

Luminarie natalizie

decorazioni luminoseNel periodo natalizio le strade delle città e le case si riempiono di luminarie: spesso, però, i nuovi addobbi a tecnologia LED sostituiscono le decorazioni luminose vecchie o non più funzionanti, che devono essere sempre eliminate in modo corretto e differenziato, salvaguardando così l’ambiente che ci circonda.

Anche in questo caso, il Consorzio Ecolamp per la raccolta e il recupero delle apparecchiature di illuminazione esauste, si preoccupa di garantire la corretta gestione anche degli addobbi natalizi e delle decorazioni luminose che, non più funzionanti, rientrano nella categoria dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE).
In occasione dei preparativi alle festività natalizie, tre sono le possibili soluzioni messe a disposizione dei cittadini dal Consorzio per un corretto smaltimento di questa tipologia di rifiuti luminosi:

  1. negli oltre 3.900 Centri di Raccolta Comunali presenti su tutto il territorio nazionale, che hanno a disposizione appositi contenitori per la raccolta differenziata delle diverse categorie di RAEE. Le catene luminose e gli addobbi natalizi devono essere inseriti nei contenitori del raggruppamento R4 (apparecchi di illuminazione, piccoli elettrodomestici ed elettronica di consumo). Per supportare i cittadini nella ricerca del Centro di Raccolta più vicino, Ecolamp mette a disposizione sia l’applicazione “L’isola che c’è”, scaricabile gratuitamente su dispositivi iOs e Android, sia la pagina web http://www.ecolamp.it/centri-raccolta;
  2. con il “ritiro uno contro uno”. È possibile consegnare gratuitamente il proprio rifiuto elettrico in negozio, quando si acquista un prodotto nuovo equivalente. Una soluzione pratica per smaltire correttamente il rifiuto, in occasione del nuovo acquisto;
  3. con il “ritiro uno contro zero”. Dal mese di luglio 2016 è possibile consegnare gratuitamente il proprio piccolo RAEE (di lunghezza inferiore a 25 cm) al negoziante, senza dovere sostenere alcuna spesa e senza alcun obbligo di acquisto. Sono tenuti ad applicare questa modalità di ritiro i punti vendita con una superficie dedicata alle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche maggiore di 400 metri quadrati, mentre gli altri negozi possono comunque applicarla in maniera facoltativa.

ecolamp raccolta lampade e luminarie natalizie esausteNel primo semestre del 2016, Ecolamp ha raccolto oltre 960.000 chilogrammi di lampade esauste su tutto il territorio nazionale, con la quota più consistente (56%) arrivata dalla raccolta differenziata dei privati cittadini che si sono recati alle Isole ecologiche.

Lo scorso anno, il Consorzio ha recuperato oltre il 93% dei materiali provenienti dal rifiuto conferito di cui, nel dettaglio, il 70% in vetro, il 10,5% in metalli (ferrosi e non ferrosi) e il 5,5% in plastica, mentre le polveri fluorescenti che si è evitato di disperdere nell’ambiente sono state il 2,8% del rifiuto trattato presso gli impianti specializzati cui Ecolamp si rivolge, pari a circa 57 tonnellate.

Informazioni su Maurizio Gambini 267 Articoli
Ingegnere elettronico, giornalista pubblicista che da molti anni lavora nel settore della comunicazione tecnica.