Illuminazione pubblica intelligente per le Smart City

Meridio per illuminazione pubblica intelligente

Meridio per illuminazione pubblica intelligenteNasce un nuovo concetto di illuminazione pubblica intelligente che non solo permette di ridurre i consumi, ma consente di avvicinarci sempre più alla Smart City, gestendo a distanza, grazie alla tecnologia radio, molti altri servizi.

In questo contesto, il lampione si trasforma da semplice strumento d’illuminazione a vera e propria stazione multifunzione per la città intelligente, come Meridio, l’innovazione lanciata da Menowatt Ge, azienda attiva nella green economy con progetti e prodotti brevettati dedicati all’efficienza energetica e alle soluzioni Smart City e Smart Metering.

Si tratta di un apparecchio LED ad alta efficienza energetica, che permette di ridurre sensibilmente i consumi della pubblica illuminazione e che dispone di capacità innovative e inedite brevettate: è, infatti, dotato di una tecnologia radio che non solo consente di telegestire e telecontrollare l’illuminazione, ma sulla quale è possibile far viaggiare molti altri servizi, come ad esempio il monitoraggio del livello di polveri sottili nell’aria o dell’inquinamento acustico, il controllo dello stato di utilizzo dei cassonetti di nettezza urbana e la misurazione dell’elettrosmog.

Meridio sfrutta la capillare diffusione delle lampade pubbliche e dialoga con una centrale operativa e con i sensori ambientali installati sul territorio

Come spiega Roberto Marcucci, Amministratore Delegato di Menowatt Ge: «Con questa innovazione l’illuminazione pubblica diventa un’infrastruttura strategica per rendere le nostre città più vivibili e sicure e per gestire il territorio in modo più razionale e sostenibile, evitando sprechi ed ottimizzando le risorse. Con un intervento di efficientamento energetico che abbatte consumi e costi, un’Amministrazione può così, allo stesso tempo, dotarsi di una tecnologia indispensabile per uno sviluppo più intelligente e più green».

Frutto di due anni di attività di ricerca condotta da un team di ingegneri ed esperti in telecomunicazioni nei laboratori Menowatt Ge, Meridio sfrutta la capillare diffusione delle lampade pubbliche e dialoga con una centrale operativa e con i sensori ambientali installati sul territorio, diventando di fatto il baricentro di un sistema di reti intelligenti. In pratica, tramite un portale Web o anche semplicemente con uno smartphone, è possibile operare sul sistema d’illuminazione (anche sul singolo punto luce) e sui servizi connessi alla rete. I vantaggi sono diversi: gestire in tempo reale funzionamenti e criticità, adattare e implementare le funzioni in base alle specificità del territorio, favorire politiche di risparmio e di pianificazione sostenibile. Un progetto completamente “Made in Italy”, che rappresenta anche un contributo significativo allo sviluppo delle tecnologie IoT (Internet of Things).

Un progetto concreto che ha visto, sabato 3 dicembre, l’inaugurazione del nuovo impianto di illuminazione pubblica intelligente di Castel del Giudice, in provincia di Isernia, primo caso di applicazione di Meridio in ambiente Smart.

 

Informazioni su Maurizio Gambini 267 Articoli
Ingegnere elettronico, giornalista pubblicista che da molti anni lavora nel settore della comunicazione tecnica.