ReSielp: progetto per il recupero materie prime da pannelli fotovoltaici

progetto Resielp per recupero pannelli fotovoltaici

progetto Resielp per recupero pannelli fotovoltaiciRecuperare silicio, argento, rame, alluminio e vetro da pannelli fotovoltaici a fine vita: questo l’obiettivo del progetto ReSielp che punta a realizzare un impianto pilota in Italia entro il 2020.

ReSielp (Recovery of Silicon and other materials from End-of-Life Photovoltaic Panels) è finanziato con 2,5 milioni di euro nell’ambito della Knowledge Innovation Community sulle materie prime, alla quale partecipano in Italia Enea, Università di Padova, le aziende ITO e Relight e CETMA (Centro di Ricerche Europeo di Tecnologie, Design e Materiali).

Presso lo stabilimento milanese della Relight verrà realizzato il prototipo per il recupero e riciclaggio dei materiali che compongono i pannelli fotovoltaici. Questa iniziativa è in linea con la direttiva europea 2012/19/EU sui Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) che sottolinea l’obbligatorietà di recuperare l’85% del peso dai moduli a fine vita, entro agosto 2018. In pratica questo equivale al vetro e alluminio contenuto nei pannelli.

Il progetto pilota va però oltre l’obbligo normativo, infatti in un’ottica di economia circolare punta al recupero e riciclo dei materiali contenuti nel restante 15% quindi silicio, argento e rame.

pannelli fotovoltaiciNell’ambito del progetto Resielp, Enea si occuperà di supportare la progettazione dell’impianto per il trattamento termico dei pannelli e dei sistemi di trattamento dei reflui liquidi e gassosi e di valutare gli aspetti ambientali del processo di recupero.

“Le finalità del progetto Resielp sono cruciali anche in un’ottica di promozione in Europa di una delle maggiori opportunità di approvvigionamento di risorse e materie prime a elevato valore aggiunto, che da un lato rappresentano una nuova sfida ambientale dall’altro costituiscono una grande opportunità di business”, sottolinea Marco Tammaro, referente Enea per il progetto.

Secondo il Rapporto di Irena (International Renewable Energy Agency) nel 2050 ci saranno ben 78 milioni di tonnellate di pannelli fotovoltaici a fine vita accumulati che potrebbero generare 15 miliardi di dollari e creare oltre 2 miliardi di nuovi pannelli fotovoltaici.

 

Vittoria Viazzo
Informazioni su Vittoria Viazzo 28 Articoli
Collaboratrice di Elettricomagazine.it, specializzata nei settori della riqualificazione, rinnovo ed efficienza energetica