REbuild 2017: l’innovazione per le costruzioni italiane

REuild

Conferenza stampa REbuild 31 maggio (20)REbuild torna il 22-23 giugno a Riva del Garda presentando importanti e concreti stimoli per un’evoluzione del sistema industriale delle costruzioni.

La proposta di REbuild far ripartire il mercato è quella dell’edilizia off-site: progetti realizzati in larga parte in fabbrica (off-site) e successivamente assemblati in cantiere (on-site) con importanti miglioramenti sotto il profilo dei costi e dei tempi di esecuzione.

È necessario riqualificare il patrimonio edilizio degli anni 50 e 60: è possibile affrontare la riqualificazione degli edifici multipiano in tempi ridotti a condizioni economicamente sostenibili? 

L’industrializzazione e la digitalizzazione costituiscono una possibilità di innovazione alla portata di tutti, un processo razionale di standardizzazione, modularizzazione e pre-fabbricazione in un contesto organizzato ad alta efficienza.  

Molte aziende italiane hanno già intrapreso questa strada e a REbuild le nuove filiere della produzione off-site rappresentano una soluzione capace di tenere insieme rapidità esecutiva, costi contenuti e qualità progettuale, anche nella sostituzione edilizia.

L’edilizia off-site permette di: velocizzare il processo di costruzione; impegnare manodopera qualificata, che lavora in un ambiente chiuso e controllato; progettare con precisione, riducendo i materiali di scarto; portare nell’edilizia la qualità e le garanzie di prestazione, tipiche di un processo industriale.

Le frontiere dell’automazione parlano anche della robotica per componenti e lavorazioni del cantiere.

L’infrastruttura digitale rappresenta un fattore chiave anche in cantiere, sia per la gestione delle risorse e dei materiali, sia per il controllo dei tempi e della sicurezza delle maestranze.

È necessario sottolineare anche l’importanza del riuso che passa anche da una rinnovata attenzione della domanda per la salubrità degli alloggi e da nuove formule di progettazione condivisa. 

"Coniugando l'efficienza legata ai processi industriali e la varietà assicurata dalle nuove tecnologie le imprese possono produrre con costi altrimenti irraggiungibili ritrovando così margini e mercato. Soprattutto nell'ambito del riuso e della rigenerazione del patrimonio esistente, si tratta di un'opportunità da non mancare" sottolinea Ezio Micelli, presidente del Comitato scientifico di REbuild.

Informazioni su Alessia Varalda 504 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.