5 possibilità per valorizzare i dati generati dai dispositivi connessi

I dispositivi connessi consentono di raccogliere tantissime informazioni sia sul funzionamento degli stessi, sia sulle persone che li utilizzano

valorizzare i dati dei dispositivi connessi - Internet of things

I dispositivi connessi consentono di raccogliere tantissime informazioni sia sul funzionamento degli stessi, sia sulle persone che li utilizzano: la definizione di strategie atte a valorizzare i dati consente nuove opportunità di business.

Secondo una ricerca dell’Osservatorio Internet of Things del Politecnico di Milano, le strategie più diffuse sono quelle relative all’ottimizzazione dei processi (75% dei progetti), alla nuova generazione di prodotti/servizi (49%), la personalizzazione del prodotto/servizio (26%). A queste si aggiungono la monetizzazione diretta tramite vendita dei dati e all’Advertising & Commerce.

Osservatorio Internet of Things oggetti connessiOttimizzazione dei processi: il modo più immediato per sfruttare i dati IoT è quello di migliorare i processi interni delle aziende con ricadute positive in termini di aumento di efficienza (riduzione tempi e costi) e di efficacia (servizio al cliente). Ad esempio, grazie all’Internet of Things è possibile monitorare il funzionamento di un impianto produttivo al fine di raccogliere indicazioni per una manutenzione predittiva, limitando guasti o fermi macchina.

Questo consente di ridurre i costi di gestione, grazie alla maggiore programmabilità degli interventi, garantendo al contempo anche un migliore servizio ai clienti.

Nuova generazione di prodotto/servizio: i dati sull’utilizzo degli oggetti connessi possono essere sfruttati per sviluppare soluzioni più avanzate, ridurre i difetti e migliorare l’usabilità. Oppure la conoscenza dei dati può dare indicazioni sulle funzionalità più usate e più apprezzate in modo da migliorare le generazioni successive dei prodotti o soluzioni.

Personalizzazione di prodotto/servizio: in base ai dati raccolti, un’azienda può fornire soluzioni mirate e personalizzate per soddisfare al meglio le esigenze dei clienti. Ad esempio una utility può, in base all’andamento dei consumi, suggerire strategie per il risparmio energetico.

Monetizzazione diretta dei dati: un’azienda può decidere di vendere i dati raccolti dai dispositivi connessi a soggetti terzi interessati, generando una nuova fonte di ricavi. Ad esempio se pensiamo al settore della mobilità, i dati di traffico raccolti da una Smart Car possono essere utilizzati per la viabilità e sistemi di navigazione.

Advertising & Commerce: In ambito Iot ci sono diversi esempi di profilazione degli utenti per proporre pubblicità mirata, come la comparsa di banner in base ai siti web visitati.

All’aumentare dell’interesse verso la valorizzazione dei dati IoT cresce di pari passo l’attenzione verso tematiche di Privacy e di Cyber Security. I consumatori sono tendenzialmente restii a condividere i propri dati, a meno di ricevere in cambio vantaggi concreti. È necessario affrontare tali problematiche in modo che non si creino delle barriere all’applicazione.

 

 

Informazioni su Alessia Varalda 561 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.