L’esperto: risponde Impianti a Livelli

Rubrica di approfondimento tecnico-normativo realizzata dagli esperti Impianti a Livelli (Associazione Componenti e Sistemi per Impianti CSI). Oggi si parla della Norma CEI 64-21

impianti a livelli

impianti a livelliCEI 64-21 per persone con disabilità o specifica necessità

Risponde Impianti a Livelli (Associazione Componenti e Sistemi per Impianti CSI)  
Gli impianti da realizzarsi secondo la norma 64.21 devono essere progettati da tecnico abilitato oppure sono sufficienti le nozioni tecniche dell’installatore elettrico?

Gli impianti realizzati in conformità alla norma tecnica italiana CEI 64-21 devono essere progettati ed installati nel rispetto del  Decreto Ministeriale 37/08 e pertanto, per quanto riguarda la progettazione, si applicano i limiti previsti dal decreto 

In particolare, considerato che l’ambito di applicazione  della Specifica Tecnica 64.21 è limitato ai soli ambienti residenziali, il progetto per l'installazione, trasformazione e ampliamento deve essere redatto da un professionista iscritto agli albi professionali secondo le specifiche competenze tecniche nei seguenti casi previsti dall’art. 5, comma 2 lett. a) e d)  del DM 37: 

  • Utenze  condominiali  ed  utenze domestiche di singole unitàabitative  aventi  potenza  impegnata  superiore  a 6 KW o per utenze domestiche  di singole unità abitative di superficie superiore a 400 m2;
  • Impianti elettrici inerenti ad unità immobiliari provviste, anche solo parzialmente, di ambienti soggetti a normativa specifica del CEI, in caso di locali adibiti ad uso medico o per i quali sussista pericolo di esplosione o a maggior rischio in caso di incendio. 

Fuori da questi casi, il progetto, che deve sempre essere presente, può essere redatto in alternativa dal responsabile tecnico dell'impresa installatrice ed è costituito almeno dallo schema dell'impianto da realizzare, inteso come descrizione funzionale ed effettiva dell'opera da eseguire, eventualmente integrato con la necessaria documentazione tecnica attestante le varianti introdotte in corso d'opera

Si ricorda che gli impianti realizzati in conformità alla Norma CEI 64-21 si considerano eseguiti secondo la regola dell’arte (DM 37/2008 Art.6.1)

La Norma 64-21, essendo alquanto innovativa, è stata pubblicata come Specifica Tecnica per dare la possibilità agli utenti della stessa di suggerire modifiche durante la sua applicazione.

E’ obbligo del condominio (e quindi dell’Amministratore) realizzare impianto di messa a terra qualora l’edificio, la cui costruzione risale al 1960, ne sia sprovvisto? Se si, in riferimento a quale legge e relativo articolo? 

L’art. 6, comma 3 del DM 37/2008 prevede che gli impianti elettrici nelle unità immobiliari ad uso abitativo realizzati prima del 13 marzo 1990 si considerano adeguati se dotati di sezionamento e protezione contro le sovracorrenti posti all'origine dell'impianto, di protezione contro i contatti diretti, di protezione contro i contatti indiretti o protezione con interruttore differenziale avente corrente differenziale nominale non superiore a 30 mA.

Ricorrendo tali condizioni, non vi è obbligo di installazione dell'impianto di terra.

Diverso il caso in cui il condominio sia configurabile come  luogo di lavoro. Se infatti il condominio ha dei dipendenti (ad esempio, portiere) o se nel condominio ci sono uffici, negozi, in tale caso l'impianto di terra risulta comunque obbligatorio, a prescindere dalla data di realizzazione dell’impianto, in base al DPR 462/2001, così come lo sono i relativi controlli periodici.

Si ricorda comunque che il MISE, con nota del 25 febbraio 2005 (protocollo n. 10723) ha espresso il parere secondo cui il condominio è da considerarsi luogo di lavoro ogni qual volta vi vengano esercitate attività lavorative anche saltuarie da parte di lavoratori legati a vario titolo al proprietario dell’impianto: quindi anche nel semplice caso in cui il condominio si avvalga ad esempio di un’impresa di pulizia, lo stesso sarebbe configurabile come luogo di lavoro, con obbligo ad avere l’impianto di terra.

Nota bene: La rubrica fornisce solo indicazioni informative di carattere generale e le risposte non sono sostitutive di pareri resi da professionisti a clienti.

Informazioni su Redazione 441 Articoli
La redazione di ElettricoMagazine è composta da esperti di settore e technical writers che approfondiscono i temi legati legati all'integrazione impiantistica e connessa, l'energia, il comfort e la sostenibilità.