Ceced Italia: elettrodomestici smart e connessi per l’economia circolare

Digitalizzazione, elettrodomestici connessi e smart: il comparto si muove verso l'economia circolare secondo l’ultimo report di Ceced Italia

conferenza Ceced ItaliaEconomia circolare, smartness e connettività degli elettrodomestici sono i temi che coinvolgono il settore degli elettrodomestici come sottolineato da Manuela Soffientini, presidente di Confindustria Ceced Italia.

Il mercato cambia e sono cambiati i bisogni dei consumatori: l’elettrodomestico non è più un apparecchio che svolge funzioni, ma ci accompagna e con la digitalizzazione è diventato intelligente e anticipa le esigenze.

“L’Italia – nella produzione di elettrodomestici – è posizionata subito dopo la Germania, è un settore fondamentale, importante per l’economia perché è strettamente legato a qualità e stile della vita degli abitanti. Non solo gli elettrodomestici hanno creato uno stile di vita sostenibile, ma grazie a importanti innovazioni tecnologiche sono dotati di nuove funzionalità, principalmente smartness e connettività, per fare vivere meglio” ha aggiunto Paolo Falcioni, direttore generale, Ceced Europa.

“Il settore degli elettrodomestici è un comparto strategico della Casa delle tecnologie ANIE. È un settore che ha fatto la storia dell’industria nazionale. Molti brand sono stati per anni il simbolo dell’italianità e, entrando nelle case e nella quotidianità degli italiani, hanno mostrato il volto “buono e bello” della tecnologia, integrando funzionalità e design” ha aggiunto Giuliano Busetto, Presidente di ANIE. 

Gli elettrodomestici sono entrati in una nuova era, i modelli connessi sono oltre 2100 e ogni giorno se ne aggiungono di nuovi e con nuove funzionalità.

Ormai oltre all’efficienza energetica degli stessi – identificata dalla classica etichetta – si parla di frigoriferi che fanno la spesa, che identificano quali siano i prodotti nel frigorifero… Questo è solo un primo passo: nasceranno soluzioni in grado di valutare quando è più conveniente fare la lavatrice, ad esempio, e l’elettrodomestico in automatico provvederà a lavaggio.

Lo scambio di informazioni tra tutti i dispositivi consente di gestire l’utilizzo di energia, ottimizzandolo per approfittare di migliori tariffe energetiche o di utilizzare l’energia rinnovabile prodotta o accumulata.

La connettività degli elettrodomestici rientra nel nuovo paradigma della smartness, che significa uso razionale e consapevole delle risorse energetiche: dagli elettrodomestici alla smart grid, passando per l’edificio e la smart city

“I produttori di elettrodomestici stanno puntando sulla facilità d’uso e l’interoperabilità universale della connettività per consolidare la nuova cultura di consumi sostenibili. È necessario lavorare su linguaggi e protocolli comuni e condivisi per supportare l’utente finale nella scelta. Ad oggi ci sono diverse piattaforme e alleanze, ma noi del Ceced stiamo lavorando per garantire che questa maggiore connettività non aumenti anche la complessità” ha aggiunto Manuela Soffientini.

È quindi un fondamentale passo in avanti per le case del futuro dove la tecnologia funziona senza problemi, aiuta nella quotidianità e consente di vivere in un modo più rispettoso dell’ambiente.

La connettività è uno strumento che può contribuire al successo dell’economia circolare e della società sostenibile.

Serviranno, però, maggiori responsabilità sia dei produttori di elettrodomestici, che avranno il compito di recuperare il materiale giunto a fine vita per produrre nuovi prodotti, sia dei consumatori che dovranno conferire correttamente i rifiuti. 

I principi che costituiscono l‘economia circolare sono in discussione a livello europeo con la revisione della Direttiva Quadro sui Rifiuti e la Direttiva RAEE (Rifiuti Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) con riferimento all’ecodesign, all’utilizzo delle materie prime seconde, al ricondizionamento, al riciclaggio e al trattamento del fine vita.

Sono necessarie politiche economiche, normative e incentivazioni per far si che l’innovazione in prestazioni, connettività, smartness possa portare a uno sviluppo dell’industria sostenibile.
Fare innovazione non basta: serve una società che assuma consapevolezza, una società che sia circolare. 

Informazioni su Alessia Varalda 637 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.