Rinnovabili e accumuli nel mercato elettrico

Italia Solare ha inviato una lettera a Terna nella quale chiede una normativa stabile entro breve per consentire agli operatori del settore la pianificazione di investimenti

Italia SolareItalia Solare ha fornito a Terna le osservazioni sulla bozza di regolamento recante le modalità per la creazione, la qualificazione e la gestione delle unità virtuali di produzione abilitate al mercato dei servizi di dispacciamento.
 
Seppure l’associazione apprezzi l’avvio di progetti pilota, è necessaria una normativa stabile di riferimento per consentire agli operatori del settore la pianificazione di investimenti.
 
In linea con le indicazioni della Commissione Europea e come riconosciuto nel documento SEN in consultazione, Italia Solare auspica l’avvio di un mercato locale del dispacciamento allo scopo di massimizzare l’utilizzo della generazione distribuita, anche di piccola taglia, da fonti rinnovabili. Quindi aggregatori e gestione locale dei servizi di dispacciamento.
 
“Siamo convinti che tutto il patrimonio degli impianti fotovoltaici esistenti e futuri debba essere valorizzato al massimo permettendo la loro partecipazione, anche in forma aggregata e abbinati ai sistemi di accumulo elettrochimico, al mercato di bilanciamento, di riserva e di altri servizi di sistema” ha dichiarato Paolo Rocco Viscontini, Presidente di Italia Solare.
 
Italia Solare ha evidenziato anche la necessità di definire le regole sulla base delle quali i distributori potranno consentire o meno la partecipazione degli impianti al mercato del dispacciamento e ha rilevato l’inadeguatezza di alcuni vincoli tecnici, tra cui, in particolare, quello di dover sostenere la modulazione per tre ore consecutive.

Redazione
Informazioni su Redazione 500 Articoli
La redazione di ElettricoMagazine è composta da esperti di settore e technical writers che approfondiscono i temi legati legati all'integrazione impiantistica e connessa, l'energia, il comfort e la sostenibilità.