Gli installatori sono pronti per la smart home?

Uno studio di RISCO Group sulla smart home fotografa le opportunità di business e di crescita per gli installatori che puntano sull’integrazione tecnologica

Smart Home Risco Group

Sicurezza, confort e risparmio sono trend di sviluppo per la realizzazione della smart home. Gli installatori sono pronti e preparati alle nuove sfide che il mercato riserva loro?

Smart HomeRISCO Group, azienda attiva nel settore della sicurezza e specializzata nello sviluppo di soluzioni di sicurezza integrate, ha svolto un’indagine coinvolgendo gli installatori proprio per comprenderne la predisposizione all’innovazione e la preparazione all’installazione di nuove tecnologie integrate.

Dall’indagine di RISCO emerge un interesse, il 26,5% degli installatori che ha già realizzato installazioni smart home, quasi il 60% che le sta pianificando nel prossimo futuro e il 41% che prevede invece di acquistare un sistema per testarlo prima di installarlo. 

I professionisti italiani della sicurezza vedono grandi opportunità di crescita per il proprio business dall’introduzione nella propria offerta di soluzioni per rendere le abitazioni connesse e smart: il 59,7% degli installatori è convinto di ampliare il portafoglio di nuovi clienti, aumentare il valore medio dell’installazione (43,3%) e guadagnare un vantaggio competitivo rispetto ad altre aziende della propria zona (46,5%).

E gli utenti finali cosa ne pensano? Dalla comparazione dei dati emergono analogie e differenze: 

  • la sicurezza è al primo posto tra i benefici offerti dalle soluzioni smart home – 64,8% per gli installatori verso il 79% per gli utenti finali; 
  • il comfort e riduzione consumi sono molto rilevanti per i consumatori, infatti il 42% dichiara di voler ridurre i consumi e il 41, % di migliorare il comfort domestico (41,5%), mentre gli installatori hanno una percezione dei bisogni degli utenti corrisponde al 25% (comfort) e 7% (riduzione di costi).

Installatori: un canale da potenziare e supportare

Nonostante il mercato della smart home sia in forte crescita e l’Internet of Things promette di crescere, dalla ricerca di RISCO emerge che ancora una fetta di installatori italiani che non prevedono installazioni smart home nel breve periodo, manifestando addirittura una certa resistenza al cambiamento. Il 42,9% degli installatori ritiene che queste soluzioni siano ancora troppo costose, e il 19% di non avere un’adeguata formazione e il 14,3% dichiara di non installare sistemi basati su cloud

Purtroppo questo scenario spinge l’utente finale ad avvicinarsi a soluzioni “fai da te. È necessaria un’adeguata azione di formazione e supporto verso i professionisti della sicurezza: RISCO Group investe per affiancare il proprio canale nell’affrontare le sfide. 
RISCO Stars è il programma che offre molti vantaggi come la formazione online; l’interfaccia di gestione RISCO Cloud consente di gestire in modo più preciso e puntuale i propri utenti, oltre a poter eseguire controllo e diagnostica da remoto; e un sito sempre aggiornato che consente di configurare il sistema di sicurezza più adatto sulla base della tipologia della propria abitazione.

Informazioni su Alessia Varalda 504 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.