Produzione e gestione sostenibile dei rifiuti

gestione sostenibile dei rifiuti 1Si è parlato di produzione e gestione sostenibile dei rifiuti nel corso del workshop organizzato ad Expo dall’Associazione Talent4Rise nell’ambito del progetto Rise2Up, incontro che ha visto anche la presenza del Consorzio Ecolight quale best practice per la sua attività nel settore ambientale e sociale.
 
Consorzio nazionale no profit che si occupa della gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) delle pile e degli accumulatori esausti, Ecolight ha condiviso le finalità di Rise2Up facendo proprio l’obiettivo di educare ad una corretta alimentazione per favorire nuovi stili di vita, incoraggiando la partecipazione attiva dei consumatori allo sviluppo ecosostenibile.
 
«Il concetto di eco-sostenibilità è strettamente legato a quello del cibo e dell’alimentazione. I nostri stili di vita influiscono profondamente sull’ambiente in cui viviamo perché anche un nostro banale gesto, come quello di non differenziare correttamente i rifiuti, condiziona il nostro futuro. Per esempio: basta una pila allo zinco (di seconda generazione), abbandonata e deteriorata, per inquinare 30.000 litri d’acqua. Con una pila al mercurio, si può arrivare a renderne non potabili fino a 30 milioni di litri. La sfida che come Consorzio stiamo affrontando è duplice: modificare gli stili di vita e migliorare l’azione di gestione dei rifiuti», ha spiegato il presidente di Ecolight Walter Camarda, tra i relatori del workshop.

gestione sostenibile dei rifiuti 1Sul primo fronte, Ecolight ha avviato una serie di progetti di carattere sociale e culturale per creare una maggiore sensibilità sul tema dei rifiuti, in particolare dei rifiuti elettronici e delle pile esauste. Inoltre, il consorzio sostiene l’iniziativa RAEE in Carcere per offrire un’occasione di riqualificazione occupazionale alle persone in regime di detenzione lavorando sul disassemblaggio dei RAEE non pericolosi. Sul fronte della gestione dei rifiuti, continua Camarda, «abbiamo voluto innovare, introducendo dei cassonetti intelligenti per la raccolta dei rifiuti elettronici di piccole dimensioni: vere e proprie isole ecologiche che stanno trovando spazio nei grandi luoghi di aggregazione come i centri commerciali».

 

Maurizio Gambini
Informazioni su Maurizio Gambini 267 Articoli
Ingegnere elettronico, giornalista pubblicista che da molti anni lavora nel settore della comunicazione tecnica.