Giotto, da Bft nuove barriere elettromeccaniche

Giotto Bft
Giotto BftDelimitare gli accessi è un diritto – per certi versi anche un dovere – e impone l’utilizzo di tecnologia affidabile e che garantisca la massima sicurezza.
Per questo motivo Bft ha sviluppato una nuova gamma di barriere elettromeccaniche chiamata Giotto BT A adatta a un uso intensivo. Giotto BT A si rivela ideale per la gestione degli accessi nel settore della Building Access Automation e della Urban Access Automation, ampliando la serie di prodotti gestibili attraverso la piattaforma di comunicazione U-Link.
La gamma Giotto è composta da due linee diverse, entrambe a 24 Volt. 
La prima è Giotto BT A 30 U, adatta per delimitare passaggi utili fino a 3 metri e con tempi di apertura di 4 secondi. Se si cercano prestazioni superiori, Giotto BT A 30S U vanta un tempo di apertura di soli 2,5 secondi.
Sono due le opzioni anche in presenza di aperture più grandi. Per varchi fino a 6 metri, infatti, Bft propone Giotto BT A 60 U (con un tempo di apertura di 5 secondi) e Giotto BT A 60S U (4 secondi). Tutti i modelli sono disponibili nel classico grigio (RAL 7015), ma possono essere personalizzati a richiesta fornendo il codice RAL.
Bft ha posto grande attenzione ai temi della sicurezza e della affidabilità: le barriere Giotto montano un finecorsa a relegazione elettronica e utilizzano la tecnologia Encoder per la reazione all’urto. Inoltre, per risultare operative anche in caso di blackout, è possibile equipaggiare la barriera con batteria che ne assicuri le manovre di emergenza anche in assenza di alimentazione.
Completano l’offerta tutti i dispositivi e gli accessori utili per l’installazione: aste tonde o rettangolari, con siepe in alluminio e con articolazione a 90°, trasmettitori, lampeggianti e colonnine.
 

Giotto: accesso singolo o interconnessione totale

Bft ha lavorato anche sul fronte dell’ergonomia e della semplicità di installazione e utilizzo: l’unità di controllo, ad esempio, è posizionata sul lato superiore per migliorarne l’accessibilità durante l’installazione, la programmazione e la manutenzione.
 
La piattaforma di comunicazione U-Link consente di collegare le sbarre ad altri dispositivi, creando una vera rete di gestione e controllo
 
Un apposito display consente di impostare specifici scenari e di assegnare i relativi parametri di funzionamento.
Infine, l’impiego della piattaforma di comunicazione U-Link consente di collegare una o più sbarre automatiche ad altri dispositivi, creando una vera rete di gestione e controllo con altri prodotti Bft o di terze parti tramite Clonix U-Link. Grazie a specifiche schede di espansione B-EBA, le riceventi comunicano anche con altre interfacce create da Bft, come U-Base 2, il software che consente agli installatori un controllo totale delle centraline dotate di U-Link: comando, configurazione, diagnostica e lettura degli stati di I/O.
Redazione
Informazioni su Redazione 473 Articoli
La redazione di ElettricoMagazine è composta da esperti di settore e technical writers che approfondiscono i temi legati legati all'integrazione impiantistica e connessa, l'energia, il comfort e la sostenibilità.