Riqualificazione edilizia: un progetto condiviso

riqualificazione edilizia

riqualificazione ediliziaA Milano è stato presentato il primo progetto di riqualificazione edilizia che coinvolge amministratori, privati e aziende, offrendo un supporto finanziario ad hoc. 

Purtroppo l’Italia – secondo l’Agenzia Europea per l’ambiente – è il Paese in Europa con il record di malattie dovute all’inquinamento e, secondo i dati Enea, il 40% è dovuto al comparto residenziale

È però partito un tentativo congiunto e concreto per risolvere la questione ambientale e cercare, inoltre, di invertire la tendenza negativa del mercato immobiliare degli ultimi anni.

È stato presentato un progetto di riqualificazione energetica degli stabili che ha l’ambizione di coinvolgere, solo a Milano e Provincia, 800 condomìni l’anno per i prossimi 10 anni, coinvolgendo tutti gli attori della filiera: amministratori di condominio, imprese, progettisti e utenti finali, con il patrocinio di Comuni e associazioni.

Riqualifichiamo in comune – questo il nome del progetto promosso da Harley&Dikkinson, Arranger Tecnologico, Finanziario e di Garanzia rivolto a chi opera nella riqualificazione e valorizzazione degli edifici – è un modello di riqualificazione degli immobili replicabile che punta a raggiungere un rapporto equilibrato e sostenibile fra architettura e paesaggio, ma anche garantire efficienza energetica, risparmio e comfort.

Come funziona il progetto?

riqualificazioneValorizzare il patrimonio immobiliare è un’impresa difficile e ha bisogno di attori qualificati e tecnici specializzati per riuscire a rendere reale il progetto di riqualificazione energetica.

Lavorare insieme è la parola d’ordine del progetto, è prevista perciò una rete di imprese nazionale e dei comitati gestionali provinciali di amministratori, tutti accomunati dalla voglia di valorizzare e dare una spinta un mercato fermo.

All’interno del progetto, Harley&Dikkinson propone anche un percorso formativo pensato per le imprese, gli amministratori di immobili e i professionisti. Dall’altro offre anche agevolazioni per i privati e per i fornitori: Credito Condominio consente agli amministratori di far accedere i propri condomìni a un finanziamento per lavori di manutenzione straordinaria e ordinaria; mentre il Fondo di Solidarietà va ad aiutare i condòmini che incontrano difficoltà nel regolare il pagamento delle rate del finanziamento. 

Target e obiettivi della riqualificazione edilizia

In Italia moltissimi edifici residenziali sono stati realizzati tra il 1945 e il 1980 quando le normative sull’efficienza energetica non erano presenti. 

L’obiettivo è quello di riqualificare gli immobili e realizzare modelli abitativi fondati sull’importanza delle relazioni umane, della solidarietà e del rispetto per l’ambiente. Questo significa riqualificare interi quartieri per risparmiare energia, generare meno rifiuti, condividere i servizi e fare network.

I vantaggi non sono solo in termini di risparmio per le famiglie, ma anche di qualità della vita. La riqualificazione energetica, inoltre, è un bene per il paese poiché porterebbe a nuovi posti di lavoro e a un miglioramenti del PIL italiano.
La ripresa del mercato edile, la compravendita, lo svecchiamento e la valorizzazione del patrimonio immobiliare esistente avrebbe un’enorme ricaduta sul mercato e garantirebbe un valore maggiorato del 30% degli immobili stessi. 

Redazione
Informazioni su Redazione 473 Articoli
La redazione di ElettricoMagazine è composta da esperti di settore e technical writers che approfondiscono i temi legati legati all'integrazione impiantistica e connessa, l'energia, il comfort e la sostenibilità.