Telmotor: impegno per l’arte sul territorio bergamasco

Telmotor Basilica-S.Maria-MaggioreTelmotor ha recentemente messo a disposizione dell’arte la propria esperienza e le proprie competenze tecniche, contribuendo alla ristrutturazione sul territorio bergamasco di due installazioni artistiche: la Basilica di Santa Maria Maggiore, nel cuore di Bergamo, e l’opera “Passi”, di Alfredo Pirri.

Azienda specializzata nelle forniture elettriche e nella distribuzione di prodotti e marchi di qualità per l’automazione industriale, negli anni Telmotor ha progressivamente ampliato le proprie competenze al settore della distribuzione di energia, all’illuminazione, alla building & home technology e alle energie rinnovabili, gestendo soluzioni integrate ad ampio raggio per il mondo dell’industria, delle infrastrutture e del terziario.

E proprio le soluzioni illuminotecniche di sono state fondamentali per ridare vita a due straordinarie opere artistiche nella città di Bergamo, territorio in cui l’azienda è nata e dove è fortemente presente.

Innanzi tutto, la ristrutturazione della prestigiosa Basilica di Santa Maria Maggiore in piazza Duomo a Bergamo: la Fondazione MIA, Ente che dal 1449 ha in gestione la Basilica, per festeggiare i suoi 750 anni ha, infatti, deciso di valorizzare il luogo e ha affidato al team Telmotor, con la supervisione di Mario Morosini e la regia di Riccardo Taccani, in collaborazione con il soprintendente architetto Giuseppe Napoleone e con l’architetto Domenico Egizi, consulente della fondazione MIA, lo sviluppo di un progetto innovativo e a regola d’arte per il rinnovo di tutto l’impianto di illuminazione interno, dando così nuova luce alla basilica, attraverso la migliore tecnologia LED.

Telmotor installazione-passi_2A questo intervento si è affiancata anche l’opera ambientale “Passi”, realizzata nel cuore dell’ex centrale termoelettrica di Daste e Spalenga (BG), un progetto che porta la firma di Alfredo Pirri. Grazie all’artista e all’Associazione culturale “Contemporary locus”, l’ex centrale termoelettrica si è riaccesa giorno e notte attraverso l’opera, strutturata su superfici specchianti e un fenomeno luminoso che restituisce la luce del giorno durante la notte. I proiettori SBP, forniti da Telmotor e installati con il supporto del bergamasco Luca Colman, trasformano l’edificio in una sorta di lanterna, valorizzando e rivitalizzando attraverso l’arte questa “cattedrale industriale”, rimasta spenta per 60 anni.

 

Maurizio Gambini
Informazioni su Maurizio Gambini 267 Articoli
Ingegnere elettronico, giornalista pubblicista che da molti anni lavora nel settore della comunicazione tecnica.