Lampadine esauste: dove vengono smaltite?

ecolamp lampadine esauste

contenitori-ecolampSono oltre 900 le tonnellate di lampadine esauste smaltite dal Consorzio Ecolamp nel primo semestre del 2016: un risultato ottenuto grazie ai conferimenti di privati cittadini e professionisti dell’illuminazione su tutto il territorio nazionale, particolarmente in 10 province della Penisola che, da sole, hanno contribuito al 40% della raccolta nazionale.

Un coinvolgimento che vede in testa 5 diverse Regioni: Lombardia, Veneto, Piemonte, Lazio e Campania.
Secondo i dati diffusi dal Consorzio, da gennaio a giugno 2016, la prima posizione nella classifica provinciale è stata appannaggio del capoluogo lombardo: Milano ha, infatti, contribuito con oltre 66 tonnellate, pari a circa il 7% del totale.

Con 5 tonnellate in meno, si posiziona al secondo posto Roma (6,4%), mentre Torino, terza classificata, ha raccolto 50 tonnellate (5%).

A seguire, la quarta in classifica, sempre in Lombardia, Bergamo, con 38 tonnellate (4%), e la quinta in graduatoria, Venezia, con 37 tonnellate (3,9%). Monza e Brianza si piazza al sesto posto, con oltre 30 tonnellate (3,1%), precedendo un’altra città veneta, Vicenza (29 tonnellate, pari al 3%). Per trovare l’ottava posizione si deve tornare in Lombardia, con Varese (quasi 24 tonnellate – 2,5%).

ecolamp lampadine esausteProseguendo nella classifica si arriva finalmente al Sud, dove Napoli ha contribuito con oltre 22,6 tonnellate di sorgenti luminose da destinare al riciclo (2,3%), collocandosi così al nono posto. Decima fra le province è ancora una città del Nord Est, Treviso, il cui dato di raccolta semestrale di 22,5 tonnellate è solo lievemente inferiore a quello del capoluogo campano.
Il 56% delle sorgenti luminose esauste gestite da Ecolamp nei primi sei mesi del 2016 proviene dagli oltre 1.800 Centri di

Raccolta serviti dal Consorzio e prevalentemente riservati al conferimento dei privati cittadini, sorpassano per la prima volta i rifiuti provenienti dai servizi volontari di Ecolamp (44%), messi a disposizione dei professionisti, primi fra tutti gli installatori elettrici.

I cittadini, quindi, utilizzano sempre più le Isole Ecologiche o Riciclerie, che possono essere facilmente individuate sul territorio grazie all’App gratuita per smartphone (l’Isola che c’è) messa a disposizione da Ecolamp, oppure visitando il sito Internet del Consorzio, alla pagina dedicata ai Centri di Raccolta: www.ecolamp.it/centri-raccolta.

 

Maurizio Gambini
Informazioni su Maurizio Gambini 267 Articoli
Ingegnere elettronico, giornalista pubblicista che da molti anni lavora nel settore della comunicazione tecnica.