Instapro: come far incontrare i professionisti con i consumatori?

instapro

instapro.it homepageUn successo il primo anno di attività in Italia per la piattaforma on line Instapro.it dedicata ai servizi per la casa, nata per far incontrare i professionisti con i consumatori.

Arrivato in Italia nel settembre 2015, il portale ha registrato, nel corso degli ultimi dodici mesi, una significativa espansione della propria rete, triplicando il numero di professionisti che ne fanno parte (sono oggi 6.650) e moltiplicando esponenzialmente il numero di lavori eseguiti (dai 7.890 del settembre 2015 ai 54.139 attuali), con una presenza ormai capillare su tutto il territorio italiano.

Un dinamico percorso di espansione, che si consolida con l’arrivo di un nuovo Country Manager Italia: Gianmarco Sessa, che, prima di approdare alla società olandese, ha ricoperto importanti ruoli nell’ambito di realtà imprenditoriali di respiro internazionale.

Grazie ad Instapro, da un lato, l’utente finale può avvalersi di un servizio gratuito per la ricerca di professionisti affidabili per la casa, comparare preventivi e consultare recensioni.

Dall’altro, artigiani e PMI hanno la possibilità, formulando proposte ad hoc, di generare nuove opportunità di business, entrando in contatto con nuovi potenziali clienti e offrendo un ampio ventaglio di servizi che spaziano, ad esempio, dall’imbiancatura alla termoidraulica, dagli infissi e serramenti agli antifurti e alla videosorveglianza, dalla posa pavimenti ai vari tipi di impianti elettrici.

A supporto della propria attività, Instapro.it realizza ogni trimestre un “Barometro dei servizi per la casa”, che evidenzia le ultime tendenze di mercato e gli “usi e consumi” degli italiani nell’ambito residenziale.

GianMarco Sessa Instapro.it
GianMarco Sessa-Country Manager Italia Instapro
Dall’ultima edizione emerge come oltre il 66% degli italiani continua a credere fermamente nel passaparola, all’apice della classifica dei “canali” più sfruttati per la ricerca di un professionista o di un servizio per la casa. Al suo fianco si posiziona la rete, alla quale si rivolge ben il 59% delle persone, che leggono le recensioni pubblicate dagli utenti, per documentarsi e orientare le proprie scelte.

È proprio in questo scenario incentrato sul Web che i servizi della casa rappresentano uno dei settori protagonisti e dal grande potenziale; a loro spetta, infatti, il quinto posto della “top five” dei settori in cui l’utente risulta più attivo in rete (dopo la tecnologia, i viaggi, il mondo della moda/accessori e dei libri/musica).

Per quanto riguarda, poi, l’aspetto economico, ammonta a 3.855 euro il budget medio di spesa che le famiglie italiane hanno destinato ai lavori di ristrutturazione e manutenzione della casa negli ultimi sei mesi, mentre circa il 33% degli italiani stima di spendere la medesima cifra nei prossimi sei mesi con picchi, in particolare, nei lavori di sostituzione di porte e finestre (1° posto), di ristrutturazione (2° posto) e nel riscaldamento (3° posto).

L’italiano, quindi, è da un lato ben predisposto a investire nella propria abitazione, riconosciuta sia come un valore affettivo, sia come un investimento sicuro da un punto di vista economico, dall’altro, è molto attento ed esigente nelle sue scelte e per questo sensibile alla rassicurazione da parte di altri utenti attraverso la lettura delle recensioni in rete.

 

Maurizio Gambini
Informazioni su Maurizio Gambini 267 Articoli
Ingegnere elettronico, giornalista pubblicista che da molti anni lavora nel settore della comunicazione tecnica.