Il Gruppo tedesco Lapp potenzia la propria presenza in Italia

Lapp acquisisce Ceam cavi

Lapp acquisisce Ceam caviIl Gruppo tedesco Lapp ha recentemente annunciato l’acquisizione di CEAM Cavi Speciali, importante realtà nella produzione di sistemi per la trasmissione dati, potenziando in tal modo la propria presenza sul territorio italiano, dove già operava con i marchi Lapp Italia, Lapp Sistemi Italia e Lapp Camunacavi.

Fornitore di soluzioni integrate e prodotti nel settore della tecnica di cablaggio e di collegamento con sede a Stoccarda, Lapp Group ha così deciso di rafforzare il proprio ruolo di vertice nel settore dei sistemi per trasmissione dati industriali puntando su CEAM, uno dei produttori di spicco sulla scena europea di cavi dati per Ethernet industriale e bus di campo, con sede a Monselice (PD) e con un organico costituito da 110 dipendenti.

Nell’ambito della stessa operazione, Lapp ha incorporato anche S.C. Fender Cables, con i suoi 20 dipendenti a Cluj-Napoca (Romania), azienda specializzata in cavi per sistemi di allarme e antincendio, che, come CEAM, apparteneva alla società COFIMA Holding, di proprietà dei due fondatori della società italiana, Franco e Carlo Magon.

Grazie a questa operazione, il Gruppo tedesco acquisisce un’azienda a conduzione familiare innovativa che, nel 2015, ha realizzato un fatturato di 23 milioni di euro, cui si aggiungono i circa 3,5 milioni di euro di Fender.

Ma al di là dell’aspetto economico, con l’acquisizione Lapp sancisce una collaborazione già di lunga data a livello tecnologico, come spiega Georg Stawowy, membro del Consiglio di amministrazione di Lapp Holding responsabile dei reparti Tecnologia e Innovazione: «Con questo accordo diamo ancora più forza a Unitronic ed Etherline, i nostri prodotti di marca che hanno già segnato un grande successo. Lapp assume così un ruolo primario nell’innovazione dei sistemi per trasmissione dati basati su cavi nel campo dell’automazione».

Per quanto riguarda il futuro, Lapp Group svilupperà e rafforzerà gli stabilimenti di produzione di Monselice e Cluj-Napoca. In particolare, intende fare di Monselice sia un centro strategico per la tecnologia di trasmissione dati industriale, puntando su ricerca e sviluppo, sia un polo di collaudo. A queste attività si affiancherà la progettazione di soluzioni per una trasmissione dati rapida e flessibile per l’Industria 4.0.

 

Maurizio Gambini
Informazioni su Maurizio Gambini 267 Articoli
Ingegnere elettronico, giornalista pubblicista che da molti anni lavora nel settore della comunicazione tecnica.