Smart City: anche la Lombardia diventa “Smart”

ANCI Lombardia e A2A puntano a sviluppare il concetto di Smart City su tutto il territorio lombardo

smart city

Condividere e ampliare la crescita di modelli per le Smart City e le Smart Land su tutto il territorio regionale della Lombardia: questo l’obiettivo del protocollo d’intesa recentemente siglato tra ANCI Lombardia e A2A, azienda multiservizi attiva nella produzione e distribuzione di energia elettrica, metano e nei servizi ambientali.

Occasione della firma, il Convegno sul tema: “Innovazione nei piccoli comuni. Nuove tecnologie e piattaforme innovative a servizio delle Smart Land”, tenutosi, a Cremona, lo scorso 10 giugno e promosso da FPA, A2A Smart City e LineaCom.

In base all’accordo, ANCI Lombardia e A2A si impegnano ad operare nell’ambito delle linee guida del protocollo per incoraggiare la creazione e la condivisione di dati e di informazioni sia sulle nuove tecnologie digitali, sia sulle possibili forme di sperimentazione di innovative soluzioni Smart da applicare ai Comuni della regione o a particolari territori, che spesso di trovano in situazioni molto diverse tra loro.

Una diversità sottolineata anche dal Segretario generale dell’ANCI Lombardia, Pier Attilio Superti: «I 1.527 Comuni lombardi presentano caratteri molto diversi tra loro: il 69,5% delle comunità ha una popolazione inferiore ai 5.000 abitanti, e convive accanto a grandi centri urbani e a metropoli dallo sguardo europeo e internazionale. In un territorio così complesso è fondamentale attivare processi per la diffusione non solo delle Smart City, ma anche delle Smart Community, perché solo in un’ottica di aggregazione territoriale sarà possibile diffondere concretamente e capillarmente l’innovazione. Solo operando in un’ottica associata si potranno assicurare ai cittadini, agli operatori economici e alle diverse realtà che arricchiscono il sistema lombardo, occasioni reali per sperimentare nuovi servizi. Il protocollo firmato oggi va in questa direzione, creando sinergie per estendere localmente l’innovazione».

Un progetto che, come ha precisato il Presidente di A2A, Giovanni Valotti: «apre una fase nuova nella ricerca di soluzioni digitali “intelligenti”, quella della visione di uno sviluppo complessivo che porti i benefici delle piattaforme Smart, ormai sviluppate nelle grandi città, all’intero territorio lombardo».

Maurizio Gambini
Informazioni su Maurizio Gambini 267 Articoli
Ingegnere elettronico, giornalista pubblicista che da molti anni lavora nel settore della comunicazione tecnica.