Domotica a misura d’uomo per anziani e con necessità specifiche

Persone anziane o con specifiche necessità possono trovare nella domotica un ottimo supporto per le attività quotidiane, il tutto con maggiore sicurezza personale

Domotica assistenza anziani

La domotica deve sempre mettere al centro la persona. Deve quindi avere anche un’utilità sociale, migliorando la vita di tutti: si pensi ad esempio alle persone anziane o a quelle con bisogni particolari.
Per farlo, occorre considerare la domotica come un sistema e non un insieme di prodotti.

Stiamo vivendo in un mondo connesso (IoT) dove la comunicazione digitale può essere presente in ogni oggetto e in ogni tecnologia che utilizziamo.
La domotica rappresenta quindi un modo per comunicare con la casa, gestire gli impianti, regolare il comfort e soprattutto svolgere funzioni in grado di migliorare il modo di vivere.

L’incremento dell’aspettativa di vita sta aumentando il numero di persone anziane che, spesso da sole, si trovano in condizioni non sempre facili; è quindi necessaria un’attenzione specifica alle problematiche della terza età. Ma non solo: la domotica può essere un ottimo ausilio per persone diversamente abili, la cosiddetta utenza ampliata.

In ambito assistenziale la domotica di distingue in due aree: la domotica per la sicurezza è al servizio dell’anziano con disabilità cognitive o che non ha dimestichezza con le tecnologie e necessita di un controllo dei dispositivi della casa attraverso programmazioni specifiche, mentre la domotica per l’autonomia è pensata per le persone che, avendo difficoltà soprattutto motorie, possono avere un controllo dell’ambiente in cui vivono.

I vantaggi della domotica assistenziale

La domotica assistenziale va oltre le esigenze di comodità, sicurezza della casa e risparmio energetico, offrendo alle persone anziane o ai disabili diversi benefici:
•    miglioramento della qualità della vita: l’uso delle tecnologie sviluppate dalla domotica assistenziale permettono all’utente di fruire di un ambiente dove vivere la quotidianità con maggiore autonomia. Una persona con problemi di movimento, ad esempio, è oggi in grado di azionare le tapparelle di casa senza alcuno sforzo, grazie alla semplicità di un telecomando;
•    supporto sociale e sanitario fra le mura domestiche: l’anziano o il disabile può convivere con le proprie problematiche nell’autonomia della sua abitazione, anziché presso ospedali o case protette.

Quali dispositivi domotici?

Una persona con difficoltà di movimento potrà ad esempio azionare le tapparelle di casa, accendere il riscaldamento o l’impianto di condizionamento semplicemente attraverso l’utilizzo di un telecomando.

All’interno in una casa possono essere installati dei sensori che monitorano l’andamento dell’anziano e ne rilevano eventuali cadute, oppure che misurano i parametri fisiologici per monitorarne a distanza delle condizioni fisiche.

Un anziano con ridotte capacità uditive potrà invece installare un dispositivo da affiancare al proprio televisore per amplificarne il suono, oppure dotarsi di un telefono che potenzia la forza dei suoni in arrivo.

Cura casaSullo schermo televisivo è possibile vedere il volto delle persone sentendosi vicini ai propri parenti e amici e migliorando i rapporti con gli assistenti e il personale medico: non più voci al telefono, ma volti reali.

Il tradizionale spioncino sulla porta può essere sostituito da una videocamera, installata sopra la porta d’ingresso. Alla pressione del campanello, l’immagine dell’interlocutore viene visualizzata sullo schermo di un tablet. In questo modo si ha la corretta percezione di chi si trova davanti alla porta, decidendo poi se attivare o meno il sistema di apertura.

La stanza da bagno o la camera da letto possono essere dotati di sistemi di emergenza e di automazione che ne facilitano l’utilizzo.
In caso d’improvvisa necessità è possibile chiedere soccorso premendo un tasto sul tablet, ma anche attraverso il classico medaglione salvavita o alcuni tasti disposti all’intero dell’appartamento e facilmente identificabili mediante cornici colorate.

È evidente come la domotica assistenziale possa rendere la vita degli anziani della nostra società più confortevole e non si esclude che, grazie al costante progresso tecnologico, la qualità della vita della terza età possa migliorare ulteriormente nel prossimo futuro.

I punti cardine di un sistema domotico pensato per chi ha più bisogno

Armonia domestica – per migliorare il feeling con la propria casa è necessario che un sistema sia in grado di gestire più dispositivi e impianti domestici. Inoltre – grazie alla tecnologia wireless – chiunque può avere il pieno controllo della propria abitazione, anche chi presenta difficoltà motorie.

Semplicità di utilizzo – è necessario che le interfacce siano intuitive, semplici da usare, con una grafica chiara. Le funzionalità domotiche sono proposte attraverso una serie di icone intuitive e di grandi dimensioni. In ogni caso un sistema domotico consente di programmare una serie di azioni e funzioni che vengono svolte quotidianamente e in completa autonomia dal sistema.

Personalizzazione – è necessario valutare le reali necessità della persona al fine di migliorare la vita quotidiana e non stravolgerla.

Sicurezza – il sistema deve garantire un elevato livello di sicurezza domestica come rilevatori di apertura, dispositivi antincendio, sistemi di videosorveglianza, allarmi tecnici (come sensori di gas o antiallagamento) e il rilevamento di cadute domestiche. In caso di anomalie, il sistema deve poter inviare un avviso di intervento.
 

Questo articolo è tratto dallo speciale Smarthome, che può essere letto, scaricato e condiviso da questo indirizzo.

Redazione
Informazioni su Redazione 473 Articoli
La redazione di ElettricoMagazine è composta da esperti di settore e technical writers che approfondiscono i temi legati legati all'integrazione impiantistica e connessa, l'energia, il comfort e la sostenibilità.