Restart, la strada per l’efficienza energetica e l’energia sostenibile

La tappa milanese del convegno Restart di Fronius ha messo in evidenza l’importanza del rispetto dell’ambiente attraverso una coscienza volta all'utilizzo di energia sostenibile.

Convegno Restart Fronius

restart milanoLa crescita del fabbisogno energetico globale e il conseguente aumento delle emissioni rappresentano la sfida più grande: sostenibilità e rispetto delle risorse portano a una costante ricerca di soluzioni tecnologicamente innovative in grado di combinare efficienza energetica, risparmio e comfort. La tappa milanese del convegno Restart di Fronius ha messo in evidenza l’importanza del rispetto dell’ambiente attraverso una coscienza volta all’utilizzo di energia sostenibile.

La sostenibilità è una attitudine mentale, è necessario prendere consapevolezza e coscienza che è necessario adottare tutti insieme soluzioni per migliorare il pianeta. – ha sottolineato Alberto Pinori, direttore generale di Fronius – Le tecnologie per ottenere risultati concreti ci sono e sono alla portata di tutti. Inoltre, sono a disposizione diversi strumenti fiscali come le detrazioni, il super ammortamento e altri finanziamenti in grado di supportare il cambiamento di paradigma energetico”.

La collaborazione tra aziende, istituzioni e associazioni può dare molte opportunità al mercato portando a grandi potenzialità di sviluppo. L’efficienza energetica non solo è una strada obbligata da percorrere, ma porta ricadute immediate in ricchezza e occupazione.

Diverse aziende hanno supportato questa iniziativa a dimostrazione che oggi è possibile portare avanti progetti che puntano a salvaguardare l’ambiente attraverso un nuovo modo di produrre e gestire l’energia.

Tecnologie per l’efficienza

Comprendere l’oggi per costruire meglio il domani: è il motto di Mitsubishi Electric, partner dell’evento, che nella progettazione di prodotti e soluzioni punta all’utilizzo di materiali sostenibili, al riciclo e riutilizzo degli stessi e alla riduzione della CO2 immessa nell’ambiente.

La pompa di calore è amica del pianeta in quanto unica macchina termica capace di utilizzare in modo semplice e ad alta efficienza il calore già presente nell’ambiente sfruttando la capacità di “moltiplicare l’energia”: in pratica è in grado di fornire 4 unità termiche all’ambiente, pagandone in bolletta soltanto una. Le tre unità “gratuite” vengono prelevate dall’aria esterna dall’acqua di falda” ha specificato Gaetano Parisi di Mitsubishi Electric.

La scelta di installare una pompa di calore porta vantaggi per tutti:

  • per il costruttore, poiché garantisce un miglioramento della classe energetica dato che viene utilizzata meno energia primaria;
  • per l’installatore, che può realizzare un unico impianto in grado di riscaldare, raffrescare e produrre acqua calda sanitaria;
  • per l’utilizzatore, che ottiene comfort unito a un risparmio energetico ed economico.

Verso l’indipendenza energetica

24 ore di sole FroniusOltre all’efficienza energetica è anche possibile puntare all’indipendenza energetica grazie allo sfruttamento dell’energia prodotta dal sole: 24 ore di sole è la visione di Fronius, che punta a fornire energia sempre indipendentemente dall’ora e dalla stagione.

“Il cambiamento passa necessariamente per le rinnovabili, – ha aggiunto Guglielmo Caronti di Fronius – l’energia deve essere flessibile, disponibile, decentralizzata. Noi produciamo inverter fotovoltaici e soluzioni di accumulo energetico che possono rendere autosufficiente un’utenza domestica o un’area residenziale. Il fabbisogno energetico può quindi essere coperto da un impianto fotovoltaico e può essere garantito il fabbisogno grazie allo storage. Sono però necessari sistemi di monitoraggio e soluzioni smart in grado di ottimizzare la produzione e l’uso dell’energia”.

Dello stesso avviso Stefano Belluz di Kioto Solar, che ha presentato una soluzione Twin Roof in grado di produrre sia energia elettrica, sia calore.
Sono convinto che l’efficienza energetica e un uso cosciente dell’energia trasformi la riqualificazione degli edifici da passiva a attiva. Stiamo riqualificando e cambiando il volto delle città grazie a facciate esteticamente belle in grado di produrre energia. La facciata attiva rende l’involucro edilizio redditizio” ha aggiunto Belluz.

Consapevolezza dei consumi 

Restart Fronius MilanoFondamentale per il ritorno degli investimenti e per l’ottimizzazione dei consumi, il monitoraggio degli impianti. SunReport è un sistema automatico per il monitoraggio e la verifica del funzionamento, degli incentivi e degli adempimenti dell'impianto fotovoltaico. SunReport legge i dati di produzione, verifica la coerenza dei dati rispetto alle condizioni meteo e li rende immediatamente disponili senza l'installazione di alcun strumento presso l'impianto.

“Il valore dei dati e dei risultati rende consapevoli del reale valore dell’efficienza e del risparmio. – ha sottolineato Simone Sandrini di Sunreport – Il risultato più evidente è un incremento del guadagno derivante dall’utilizzo dell’impianto, ma non solo: maggiore disponibilità, meno “sorprese” derivanti da problemi di manutenzione, più sicurezza generale”.

Integrazione, efficienza energetica, comfort, energie rinnovabili, indipendenza energetica, storage, home e building automation sono i driver per la progettazione degli edifici intelligenti e per la realizzazione delle cosiddette Smart City. Qui, la casa connessa rappresenta uno dei tasselli che permette di ottenere il maggiore risparmio e comfort.

“Per raggiungere questi risultati sono necessarie soluzioni facili da installare e da utilizzare, non invasive, che non richiedono cablaggi, che possono essere flessibili e ampliabili ma soprattutto che si adattino alla persona. – ha sottolineato Alexandre Durand di Delta DoreL’obiettivo è rendere intelligenti ed efficienti gli impianti di casa senza stravolgere le abitudini ma regalando la serenità e la sicurezza di avere tutto sotto controllo dentro e fuori casa con una semplice APP. Come avere sempre con sé la propria casa a portata di clic”.

L’efficienza energetica è la base per il cambiamento energetico e passa attraverso le abitudini delle persone, l’impiantistica integrata e i processi produttivi. “Le aziende sono le prime che devono credere nel processo di miglioramento delle performance e degli impianti. La diagnosi energetica e il monitoraggio sono fondamentali, ma è necessario inserire ulteriori elementi come l’analisi dei dati che porta alla manutenzione preventiva e predittiva con un conseguente risparmio” ha concluso Fabrizio Caldi di Seaside.

Informazioni su Alessia Varalda 608 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.