NG-TRX, con EL.MO. la tecnologia wireless è bidirezionale

Grazie alla bidirezionalità, la tecnologia wireless NG-TRX di EL.MO. permette di sviluppare impianti anche complessi ma sempre sicuri

Tecnologia NG-TRX EL.MO.

NG-TRX ELMONG-TRX è la innovativa tecnologia antintrusione wireless bidirezionale che EL.MO presenta a Fiera Sicurezza 2017 nel padiglione 7 Stand C21/D28.
NG-TRX è composta da una gamma completa di prodotti quali centrali, sirene e rivelatori basati su nuove caratteristiche hardware e software che assicurano potenzialità uniche nel campo della sicurezza e permettono di creare impianti anche complessi.

L’elemento fondante di questa potente tecnologia è senza dubbio la bidirezionalità delle trasmissioni tra la centrale e i dispositivi dislocati in campo. Il flusso è sempre biunivoco e tutti gli elementi del sistema inviano segnalazioni/comandi e ricevono immediatamente un feedback creando un sistema molto più “intelligente” e pressoché inattaccabile.

Grazie alla comunicazione bidirezionale, tutti i dispositivi NG TRX possono essere configurati via software, anche da PC remoto via LAN/WAN, ed è possibile agire su numerosi parametri per impostare la taratura dei dispositivi.

Attraverso la App e-Connect, la piattaforma cloud di EL.MO. per la supervisione, è inoltre possibile gestire da remoto diversi sistemi da un unico dispositivo. L’impianto antintrusione, TVCC o il sistema domotico possono essere così controllati da qualsiasi parte del mondo e in qualsiasi momento via smartphone, tablet e PC.

Le trasmissioni tra la centrale e i dispositivi su tre differenti frequenze assicurano un ulteriore livello di sicurezza e la massima resistenza al jamming.

Un altro aspetto caratterizzante della tecnologia NG-TRX è la portata operativa di 2 km, che permette la realizzazione di impianti wireless estremamente flessibili e consente la massima libertà di installazione.
Un’attenzione particolare è stata rivolta anche al design. I dispositivi NG TRX utilizzano una nuova generazione di potenti antenne ceramiche frutto di un complesso lavoro di miniaturizzazione che consente di ottenere prodotti ancora più compatti e con migliori performance. Inoltre, il microprocessore a 42 bit a bassissimo assorbimento è capace di assicurare un’elevata capacità di elaborazione con conseguente abbattimento dei consumi di corrente.

Informazioni su Alessia Varalda 917 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.