Schneider Electric e MIUR per Alternanza Scuola Lavoro

Schneider Electric e il MIUR firmano un nuovo Protocollo di Intesa che amplia l’esperienza nell'Alternanza Scuola Lavoro

Alternanaza scuola lavoro Schneider electric

Schneider Electric punta sulla realizzazione di progetti di Alternanza Scuola Lavoro rivolti agli studenti di tutta Italia e su nuovi percorsi nuovi percorsi formativi e sperimentali in ambito IoT. Con la firma di un nuovo Protocollo di Intesa con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – avvenuta presso la Sala della Comunicazione del MIUR – viene ampliata la collaborazione avviata nel 2015.

“Vogliamo che l’Alternanza sia anzitutto un cambiamento culturale all’interno della scuola italiana dove l’apprendere in modo teorico non sia più scisso dal conoscere in modo pratico. – ha dichiarato Rosa De Pasquale, Capo Dipartimento per il Sistema Educativo di Istruzione e Formazione – La modalità didattica che abbiamo visto applicata in queste Accademie Formative di Schneider Electric, ha permesso ai ragazzi di sperimentarsi a livello interdisciplinare incrementando la voglia e la fiducia di essere protagonisti del proprio futuro”.

Alternanaza scuola lavoro Schneider electric presentazioneInvestire nei giovani è per noi motivo di orgoglio e soddisfazione – ha affermato Laura Bruni, Direttore Affari Istituzionali e Relazioni Esterne di Schneider Electric. – Le nostre Accademie sono nate prima dell’entrata in vigore della legge sull’Alternanza Scuola Lavoro, con una sperimentazione co-progettata con il MIUR. L’innovazione dei contenuti, dall’Efficienza Energetica all’Industria 4.0, nel quadro di Digitalizzazione e Sostenibilità hanno reso questa esperienza una leva sinergica per coinvolgere gli studenti in un percorso efficace di consapevolezza e apprendimento”

“Nel biennio 2016-2017 abbiamo formato quasi 4.000 studenti, con l’esperienza di Accademia trasversale riservata al quinto anno e i percorsi specialisti verticali per il terzo e quarto erogati dal nostro partner sul territorio Mondo Scuola Lavoro, toccando 17 regioni e 109 istituti scolastici di tutto il territorio nazionale. – ha sottolineato Gianfranco Mereu, Responsabile Attività Scuole di Schneider Electric – 25 ragazzi al termine di questo percorso hanno trovato un’occupazione qualificante grazie competenze acquisite.

Quali gli obiettivi futuri?

Schneider Electric è punto di riferimento nazionale anche per la formazione digitale, pronta a varare nuovi progetti rivolti all’IoT e alle competenze della filiera 4.0.

L’azienda punta a formare 10.000 studenti in 5 anni, investire in un nuovo progetto editoriale, “impiegare risorse di pregio per lo sviluppo dei giovani – continua Laura Bruni – produce valore globale per il Paese ed è il miglior modo di cui disponiamo per affrontare con fiducia il futuro”.

I risultati del progetto sono supportati dalle testimonianze e valutazioni di studenti, docenti e dirigenti scolastici che hanno aderito nel corso del biennio al programma di Alternanza Scuola Lavoro di Schneider Electric.

Stiamo assistendo a una trasformazione legata alla digitalizzazione, all’efficienza energetica e all’Internet of Things, è necessario, quindi puntare sull’innovazione e sulla conoscenza.

Durante l’evento è stata confermata la partnership con Kyoto Club ed è stato presentato un nuovo strumento didattico: il primo volume “Industria 4.0” della collana “Laboratori di Alternanza Scuola Lavoro – Percorsi formativi per le future Professioni”, co-progettata da Schneider Electric e Hoepli.

Questo nuovo progetto editoriale ha lo scopo di accompagnare giovani e professionisti emergenti nell’acquisizione e sperimentazione del sapere tecnologico multidisciplinare e dimostrare come integrazione, connessione e digitalizzazione siano fondamentali per un futuro sostenibile.

“Incontrare un attore del mercato, come Schneider Electric, che ha investito nell’Alternanza Scuola Lavoro ancora prima che fosse obbligatoria ci motiva a continuare verso la ricerca di un futuro migliore. Il percorso formativo multi-disciplinare e il metodo didattico interattivo e deduttivo, che porta i ragazzi a viversi come protagonisti del proprio avvenire, è davvero un elemento di speranza per tutti” ha concluso Rosa De Pasquale.

 

Informazioni su Alessia Varalda 637 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.