Energia decentralizzata per centrare gli obiettivi UE

La transizione energetica è troppo lenta ed è necessario sia mettere a punto di una regolamentazione unica e condivisa sia puntare sulla decentralizzazione dei sistemi energetici per raggiungere gli obiettivi ambientali al 2030.

report roland berger energia decentralizzata

Secondo ultimo report di Roland Berger “Power to the People – The Future of Europe’s Decentralized Energy Market” potrebbe essere difficile raggiungere gli obiettivi ambientali prefissati al 2030, ossia il 27% di energie rinnovabili.

La transizione energetica è troppo lenta ed è necessario sia mettere a punto di una regolamentazione unica e condivisa, sia puntare sulla decentralizzazione dei sistemi energetici (energia decentralizzata).

Oggi ogni Stato membro dell’Unione europea è responsabile delle proprie politiche energetiche, però purtroppo le diverse strategie messe in atto (e, quindi, non condivise) mettono di fatto in pericolo gli obiettivi climatici e ambientali.

È quindi fondamentale pensare a una regolamentazione unica per garantire di beneficiare per la diffusione delle energie rinnovabili.

Il Report spiega l’importanza delle tecnologie di scala attraverso due esempi:

  • I prezzi delle batterie di stoccaggio continuano a diminuire mentre la capacità aumenta.
    Secondo le previsioni, gli impianti di stoccaggio passeranno dai 400 Mw/h del 2015 a 50 Gw/h nel 2025. Equivalgono a un fabbisogno di 800.000 case in Germania per 1 settimana.  Questo porterebbe alla diminuzione della scarsa prevedibilità delle fonti rinnovabili come il fotovoltaico e l’eolico.
  • Dal 2010 a oggi il prezzo medio dei pannelli solari è diminuito dell’80%.

report Roland BergerRegolamentazione unica o meno, quel che è certo è che la decentralizzazione dei sistemi energetici è l’unica strada da percorrere permettendo anche ai singoli di giocare un ruolo attivo nella produzione di energia grazie a impianti domestici.

“Potenzialmente potremmo stimare in 450 milioni di consumatori – all’intero dell’Unione Europea – che potrebbero trasformandosi in prosumer (produttori + consumatori) giocando un ruolo chiave nel bilancio tra domanda ed offerta – ha commentato Paolo Massardi, Senior Partner di Roland Berger Italia, – e stimolando investimenti per la produzione, il trasporto, la distribuzione e lo stoccaggio dell’energia”.

Il futuro dell’energia decentralizzata – come sottolineato nel Report – è guidato da fattori politici e dallo sviluppo del mercato:

  • maggiore integrazione dell’Unione europea e i suoi mercati energetici;
  • apertura dei mercati dell’energia eliminando barriere all’ingresso nei paesi dell’UE;
  • impegno per l’energia decentrata e supporto per la diminuzione dell’utilizzo dei combustibili fossili (centralizzati)
  • legislazione sulla produzione di energia e incentivi;
  • normativa e incentivi per sviluppare la mobilità elettrica;
  • sviluppo delle smart grid nei diversi paesi;
  • creare nuovi modelli di business nel campo delle soluzioni di stoccaggio intelligente;
  • creare nuovi servizi come la consulenza dedicata ai clienti privati su tutto ciò che concerne le fonti energetiche alternative
  • investire nelle infrastrutture per sostenere il passaggio alle energie rinnovabili;
  • prestazioni e disponibilità di accumulo di energia.

Per le aziende sarà quindi fondamentale investire in partnership mirate con start-up, università e istituti di ricerca al fine di garantirsi l’accesso a tecnologie innovative e integrare tutte le conoscenze per essere al passo con i tempi e cogliere al meglio le sfide che la transizione energetica verso l’energia decentralizzata sta portando.

Informazioni su Alessia Varalda 919 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.