Architettura sostenibile: cos’è e perché è importante

Il tema della sostenibilità coinvolge tutti i settori: dall'energia all'acqua, dai materiali alla qualità dell’aria, dall'illuminazione alla gestione dei rifiuti. Vediamo come tutti questi aspetti coinvolgono un nuovo modo di costruire: l’architettura sostenibile

architettura sostenibile costruire green

Il tema della sostenibilità coinvolge diversi aspetti della vita e della realtà che ci circonda e corrisponde ad un principio imprescindibile da cui partire per poter attuare qualsiasi azione responsabile sulla Terra poiché le risorse non rinnovabili si stanno esaurendo e l’ecosistema si sta alterando a causa soprattutto del surriscaldamento del pianeta.

Uno dei campi su cui si può agire concretamente per uno sviluppo sostenibile è quello edilizio: le costruzioni sono infatti permanenti nel tempo e influiscono notevolmente sulla qualità ecologica dell’ambiente in cui esistono, sia quelle nuove che quelle esistenti.

Il concetto di sostenibilità applicato in architettura corrisponde ad un sinonimo di costruzione di qualità che garantisce un uso limitato delle risorse, un basso impatto ambientale e un alto livello di benessere alle persone.

I pilastri dell’architettura sostenibile

I criteri di valutazione per poter considerare un edificio sostenibile sono:

  • efficienza energetica complessiva: l’edificio deve avere un involucro ben isolato, avere degli impianti efficienti e deve utilizzare risorse rinnovabili, quindi avere basse emissioni nell’ambiente
  • impatto ambientale dei materiali: i materiali utilizzati per la costruzione devono essere valutati sostenibili in tutto il loro ciclo di vita, dalla produzione, al trasporto, al riciclo a fine costruzione.
  • uso efficiente della risorsa idrica: l’acqua come risorsa va preservata attraverso l’uso di dispositivi per il risparmio idrico, il riciclo delle acque meteoriche e di smaltimento, l’attenzione al grado di permeabilità delle superfici orizzontali (tetti e pavimentazioni esterne)
  • qualità dell’aria e l’uso di materiali a basse emissioni: sostenibilità significa anche preservare la salute di chi abita attraverso un buon ricircolo d’aria all’interno delle abitazioni, uffici, scuole, e l’utilizzo di materiali che non siano nocivi per la salute.
  • monitoraggio della presenza di gas radon nel terreno dove viene costruito un edificio e in caso di alta concentrazione, l’utilizzo di provvedimenti che lo mantengano all’esterno della costruzione
  • sfruttamento della luce naturale per l’illuminazione dei luoghi di permanenza diurna delle persone: progettare i serramenti e le aperture ottimizzando un corretto orientamento e esposizione alla luce solare
  • progettazione del comfort acustico attraverso barriere fonoisolanti sia verso l’esterno che all’interno dei locali dove vivono, lavorano o studiano le persone
  • gestione dei rifiuti in un’ottica di economia circolare: anche durante le fasi di cantiere sarebbe auspicabile un’attenzione alla possibilità di riciclo degli scarti dei materiali utilizzati
  • prevedere l’uso di lampade e elettrodomestici efficienti
  • privilegiare l’utilizzo di prodotti locali per i materiali da costruzione: legnami, pietre e prodotti naturali provenienti da luoghi vicini alla costruzione, per ottimizzare anche una mobilità e una logistica sostenibile e un minore uso di risorse

I principali vantaggi di un’architettura sostenibile sono sia di carattere ambientale attraverso un consumo ridotto di energia e di emissioni nell’atmosfera e l’uso limitato di risorse non rinnovabili, ma coinvolgono anche le persone che ci abitano per l’alto comfort abitativo che si crea all’interno dell’abitazione. Una casa, ufficio o scuola (per non dire albergo, fabbrica o edificio pubblico) costruito secondo i criteri di sostenibilità consente di vivere in un ambiente confortevole dal punto di vista della qualità dell’aria, della temperatura interna e della regolazione dell’umidità, consumando poca energia e di conseguenza diminuendo le emissioni nell’atmosfera.

Silvia Pertoldi
Informazioni su Silvia Pertoldi 2 Articoli
Silvia Pertoldi Architetto libero professionista, Consulente CasaClima e giornalista freelance, oltre all'esercizio della sua professione, si occupa da alcuni anni di temi legati all'efficienza energetica nelle nuove costruzioni e negli edifici esistenti, e alla sostenibilità ambientale in generale