Cosa hanno in comune eolico e IoT? Lo scopriremo entro il 2025

Secondo Frost & Sullivan IoT, big data e altre tecnologie digitali guideranno lo sviluppo del mercato eolico globale, che viaggerà con ritmi da 100 miliardi di dollari l'anno

eolico e IoT

“The Global Wind Power Market, Forecast to 2025” è il titolo della corposa analisi che Frost & Sullivan dedica al mercato eolico globale, già protagonista del settore rinnovabili negli ultimi cinque anni, ma pronto a spiccare il volo grazie a tecnologie digitali e IoT.

Se a fine 2016, infatti, più di 80 paesi avevano installato parchi eolici e circa 26 disponevano di oltre 1 GW in esercizio, oggi gli analisti prevedono che i servizi di energia eolica raggiungeranno i 24,97 miliardi di dollari entro il 2025. Sul piano geografico, il 49,9% dei ricavi a livello globale verrà dall’America del Nord e dall’Europa, mentre la Cina inciderà per il 39,3% sul fatturato dell’eolico nel 2025. Inoltre, alle performance dei quattro paesi principali (Cina, Stati Uniti, Germania e India) si aggiungeranno gli investimenti di Brasile, Francia, Spagna e Regno Unito, contribuendo a generare un giro d’affari di 100 miliardi di dollari l’anno fino al 2025.

Ma la vera novità evidenziata da Frost & Sullivan sta nell’ingresso di Internet of Things (IoT), big data e analytics come tecnologie abilitanti e utili ad aumentare l’efficienza degli impianti eolici e, di conseguenza, gli investimenti in tale settore. “L’integrazione con la rete elettrica, il ritiro degli incentivi governativi, l’instabilità politica e la riduzione dei progetti eolici rimangono sfide cruciali per le società che operano nel mercato eolico globale – osserva Swagath Navin Manohar, Industry Analyst di Frost & Sullivan -. Tuttavia, ci sono notevoli opportunità nei servizi abilitati per l’IoT nel settore eolico globale”.

IoT, monitoraggio smart e manutenzione predittiva nei parchi eolici

IoT, analytics e modelli predittivi, uniti a materiali di ultima generazione, sono alcune delle innovazioni dirompenti che potrebbero secondo gli analisti generare interessanti opportunità di business per i partecipanti al mercato concorrenziale.

“Nei prossimi anni – spiega Manohar -, vedremo turbine parlanti abilitate per l’IoT, droni e robot progettati per sostituire le ispezioni manuali di turbine e pale eoliche e materiali compositi leggeri ad alta resistenza il cui utilizzo promuoverà l’aumento delle dimensioni delle turbine eoliche. Un grande potenziale per le realtà già sul mercato e per quelle che vogliono farsi strada”.

Un settore destinato dunque a crescere e a far parlare di sé, se consideriamo che, già oggi, le società che gestiscono parchi eolici possono monitorare in maniera efficace, attraverso connettività IoT, le prestazioni delle turbine e dei relativi dispositivi connessi da remoto, senza alcun intervento manuale. Ci sarà spazio anche per analytics e cloud, in quanto le analisi predittive rappresentano un’importante risorsa per il mercato eolico, sia per la riduzione dei guasti sia per il miglioramento dell’efficienza operativa delle turbine.

Maria Cecilia Chiappani
Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 113 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.