Integrazione: competenze e condivisioni di filiera

L’integrazione è la base per la realizzazione di nuovi scenari abitativi e urbanistici. Come risponde la filiera dei produttori, distributori e system integrator?

Integrazione

La tecnologia sta cambiando il modo di concepire gli edifici e le città portando benefici tangibili – comfort, sicurezza, qualità della vita – a tutti. L’integrazione e l’Internet of Things giocano un ruolo strategico in questa trasformazione aprendo nuovi scenari e nuove opportunità.

Ma come risponde la filiera? Ovvero produttori, distributori e professionisti? La tavola rotonda “Competenza, consulenza, progetto. La distribuzione specializzata tra system integration e Home & urban technologies”, organizzato da Assodel ha cercato attraverso un dibattito costruttivo di capire come l’IoT e il digitale ridisegneranno gli spazi abitativi e delle future Smart City.

L’elettronica è il fil rouge di tutta la filiera dell’integrazione – ha sottolineato Elena Baronchelli, direttore generale TecnoImprese -. È necessario ripensare gli ambienti, ottimizzandoli per il benessere e la produttività delle persone; l’Internet of Things (IoT) e la digitalizzazione sono gli strumenti adatti a porre a centro la progettualità. Se ripensiamo ai LED e alla trasformazione che hanno portato, siamo in grado di capire come da semplice installazione per efficientamento si siano trasformati in un vettore il grado di trasportare informazioni e integrare tecnologie”.

tavola rotonda IntegrazioneÈ necessario, quindi, analizzare e comprendere il mercato per tradurre questi trend nel presente e soprattutto è necessario puntare soluzioni in grado di favorire la transizione. Di questo avviso Markus Florian, sales director Central Europe di EnOcean che ha evidenziato come oggi i progetti siano sempre più complessi e le richieste di spazi flessibili e implementabili siano fondamentali. “Ma è necessaria soprattutto la cooperazione nei grandi progetti: le figure che compongono la filiera – progettisti, system integrator, distribuzione – devono necessariamente condividere le informazioni implementando le possibilità di tutti”.

Integrazione, dunque, per supportare la crescita di un mercato che strizza l’occhio a tutto ciò che oggi si identifica con Home e Building Automation e che se in Italia parte dal mercato della sicurezza e dalla regolazione del confort, a livello internazionale basa le sue radici sul lighting e Entertainment.

Simona Berta, sales manager di Lutron ha sottolineato come il settore del controllo dell’illuminazione e dei sistemi di audio video siano parte integrante della domotica nel comparto residenziale. “Siamo convinti che sia sempre necessario confrontarsi con gli altri player e condividere le informazioni per garantire non solo la realizzazione di un progetto a largo respiro, ma soprattutto di rispondere alle esigenze del cliente con un impianto funzionale e funzionante. Il system integrator è la figura chiave perchè possiede la competenza necessaria a valorizzare il prodotto e garantire una soluzione chiavi in mano”.

Sempre in ottica di condivisione, Emiliano Faccioli, regional sales manager Crestron, ha aggiunto che “il segreto risiede nel dialogare con i cultori del bello (architetti e lighting designer) ricordandosi che le aziende di anima tecnica forniscono sempre un servizio: offrire un’interfaccia semplice che dovrà essere gestita da aziende, distributori, professionisti e ovviamente utenti finali”.

Il ruolo chiave del system integrator

Emerge chiaramente il valore e la necessità di una figura in grado di gestire l’integrazione degli impianti e porsi al mercato con un ruolo sia di consulente, sia di realizzatore di esigenze.

Roberto Vogliolo, digital communication architect, Ceo e fondatore di Dooh.it ha proprio testimoniato come negli anni la figura dell’installatore/integratore verticale si sia trasformata in una figura multidisciplinare con competenze che vanno ben al di là dell’impiantistica, della building automation e dell’elettronica. “Il system integrator deve avere competenze sia di software sia di hardware. Per realizzare progetti a valore aggiunto sono due le possibilità: lavorare all’interno di realtà strutturate oppure, se ci s’intende specializzare, la competenza verticale va affiancata ad altri specialisti che possano occuparsi di altri ambiti altrettanto verticali”.

luigi Signori Domotica LabsI professionisti e la filiera distributiva devono quindi allargare le proprie competenze. “Il system integrator deve andare oltre al prodotto e la soluzione abbattendo le barriere dei diversi produttori e dei protocolli – ha aggiunto Luigi Signori, direttore commerciale di Domotica Labs -. È necessario partire da ciò che si sa fare bene e creare una rete al fine di affrontare il mercato in maniera più orizzontale possibile e in modo strutturato”.

Cambiano i mercati e cambiano le figure in grado di affrontarlo. Il mercato della distribuzione come si pone in questo scenario? Innanzitutto, è necessario un cambio di mentalità e strategia: da semplice venditore di prodotti deve trasformarsi in consulente. Questo messaggio è chiaro a tutti e si stanno strutturando proprio per ricucire a competere nel modo più efficace e più efficiente possibile. Per fare questo bisogna andare oltre all’acquisizione di nuove competenze, ma fondamentale creare una propria filiera di professionisti interni ed esterni per gestire progetti complessi.

La filiera dell’integrazione e i suoi temi forti saranno protagonisti a Illuminotronica, che quest’anno si terrà a Bologna, BolognaFiere, dal 29 novembre al 1 dicembre 2018.

Informazioni su Alessia Varalda 917 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.