Prosiel, la sicurezza impiantistica per la mobilità elettrica

Prosiel promuove la cultura della sicurezza, prevenzione e dell’innovazione elettrica anche nell’ambito delle infrastrutture di ricarica.

ricarica auto elettrica

Il mercato europeo della mobilità elettrica è in forte sviluppo grazie al supporto di enti pubblici e privati, che sostengono con incentivi e investimenti di vario tipo l’acquisto e installazione di infrastrutture di ricarica e di veicoli elettrici.

Tutti i paesi si stanno strutturando – attraverso normative e legislazioni nazionali e locali – per supportare la crescita della mobilità sostenibile, puntando alla graduale eliminazione di mezzi a combustione.

Prosiel, associazione senza scopo di lucro rappresentante i principali attori della filiera elettrica, opera in questo campo per promuovere la cultura della sicurezza, prevenzione e dell’innovazione elettrica anche nell’ambito delle infrastrutture di ricarica, che saranno sempre più presenti in edifici residenziali, industriali e commerciali.

Il mercato europeo dei veicoli elettrici è in costante crescita: nel 2017 sono state vendute 149.086 auto elettriche (BEV) su un totale di 15.131.778 milioni di unità vendute (+ 43,6%, lo 0,9% del mercato auto totale). In Europa attualmente circolano 501.798 vetture elettriche (BEV) e circa 670.000 vetture ibride (PHEV). In Italia, invece, la diffusione è ancora scarsa, nel 2017 sono state vendute 1.967 vetture elettriche (BEV) (0,1% del mercato) e 66.000 auto ibride (PHEV) (+ 71% rispetto al 2016).

In Europa paesi come Norvegia (dal 2025) e Olanda (dal 2035) hanno deciso di eliminare la vendita e circolazione dei veicoli a combustione. Molte case automobilistiche hanno deciso di non produrre più veicoli Diesel.

In Italia, tuttavia, ci sono tutti i presupposti affinché le auto elettriche diventino lo standard eco-sostenibile, infatti:

  • PNIRE ha stanziato 33,5 milioni € da investire nell’installazione di infrastrutture di ricarica moderne;
  • ENEL investirà 100 – 300 milioni € per l’installazione di 7-15 mila colonnine di ricarica entro il 2021;
  • la città di Roma la annunciato lo stop alla circolazione delle macchine diesel nel centro città dal 2024.

Alcuni comuni, province o regioni promuovono la mobilità elettrica attraverso politiche incentivanti sull’acquisto di veicoli elettrici e l’installazione delle colonnine di ricarica: Trento ha incentivato a fine 2017 l’acquisto di auto elettriche o ibride plug-in con un contributo che varia da 4 a 6 mila euro; mentre La Lombardia ha stanziato fino a 1.500 euro a fondo perduto per ogni punto di ricarica installato entro la fine del 2017 attraverso un Bando.

Tra gli incentivi alla mobilità elettrica anche l’esenzione da 3 a 5 anni dal pagamento del bollo auto in molte regioni.

Prosiel si impegna a stimolare la crescita del mercato elettrico italiano, promuovendo l’uso di tecnologie per la ricarica delle auto elettriche negli edifici, favorendo l’ammodernamento di impianti elettrici esistenti, affinché i proprietari possano usufruire dei benefici delle nuove tecnologie mantenendo elevati standard di sicurezza ed efficienza energetica.

Prosiel supporta le autorità governative italiane nel definire gli standard tecnici necessari per assicurare la sicurezza degli impianti elettrici degli immobili e gli incentivi che meglio si adattano al contesto legislativo e di mercato italiano.

Redazione
Informazioni su Redazione 649 Articoli
La redazione di ElettricoMagazine è composta da esperti di settore e technical writers che approfondiscono i temi legati all'integrazione impiantistica e connessa, l'energia, il comfort e la sostenibilità.