Nuovo armadio per la quadristica: Rittal VX25

Rittal VX25 è un concentrato di innovazione, affidabilità e stabilità dove la V sta per Versatilità, la X per l’avvenuta soddisfazione dei requisiti degli utenti e il 25 indica il passo meccanico di 25 mm attorno al quale sono costruite tutte le simmetrie dell’armadio

Rittal VX25

Rittal VX25 è il nuovo armadio ideato per la filiera della quadristica che offre massima qualità e disponibilità continua dei dati, riduzione della complessità e risparmio di tempo, oltre ad una totale sicurezza in fase di montaggio. Il nuovo armadio Rittal è compatibile con Industria 4.0

L’armadio componibile VX25 è il risultato di 5 anni di studi per realizzare un successore al Sistema TS 8 – l’armadio di Rittal che ha avuto maggior successo in assoluto – che garantisse le caratteristiche consolidate aggiungendo nuove soluzioni e vantaggi.

Rittal VX25 è un concentrato di innovazione, affidabilità e stabilità dove la V sta per Versatilità, la X per l’avvenuta soddisfazione dei requisiti degli utenti e il 25 indica il passo meccanico di 25 mm attorno al quale sono costruite tutte le simmetrie dell’armadio.

Il nuovo prodotto si basa sulla filosofia “Less is more”, che ha permesso di ridurre significativamente la complessità della tecnologia dell’armadio elettrico proprio grazie al passo da 25 mm e alla totale simmetria che garantisce una riduzione dei componenti e dello spazio necessario per lo stoccaggio.

interno Rittal VX25VX25 poggia su 5 pilastri di progetto:

  • un processo di design efficiente;
  • semplificazione grazie all’utilizzo dei componenti simmetrici e che possono svolgere diverse funzioni;
  • assemblaggio smart che garantisce una riduzione dei tempi di montaggio e il numero di persone necessarie per installarlo;
  • miglioramento della qualità e affidabilità;
  • integrazione con i prodotti del portfolio Rittal.

“Rittal VX25 è nato da uno studio che ha coinvolto i principali clienti – spiega Marco Villa, amministratore delegato di Rittal per l’Italia -. Il nostro obiettivo era quello di proporre un sistema di contenimento più moderno, che rispondesse alle logiche della digitalizzazione e rafforzasse la catena del valore che Rittal vuole proporre”.

profilo Rittal VX25L’innovazione in 7 step

  1. Il telaio che offre accessibilità da tutti e quattro i lati, il più esterno dei due piani di montaggio è allestibile dall’esterno senza l’impiego di accessori aggiuntivi, lo stesso vale per la nuova opzione di installazione posteriore della piastra di montaggio. Inoltre, i 20 mm in più di profondità di installazione garantiscono uno spazio di manovra aggiuntivo.
  2. Il nuovo profilo del telaio è stato unificato lungo tutto il perimetro dell’armadio, semplificandone notevolmente l’espandibilità.
  3. I divisori e i pannelli di segregazione, le coperture di protezione dai contatti accidentali possono essere montati direttamente dall’esterno sul profilo del telaio quando la parete laterale o posteriore è stata rimossa.
  4. Tra i plus, quello di non dovere eseguire alcuna lavorazione meccanica nella porta montata con cerniere a 180°. La nuova cerniera a 180° può essere montata rapidamente e facilmente senza eseguire forature: in questo modo le porte sono facili da sganciare e agganciare.
  5. Nuovo sistema di maniglie con fissaggio a scatto e senza attrezzi che riduce di circa il 50% del tempo di montaggio.
  6. Tutti gli accessori standard dell’armadio possono essere installati nello zoccolo grazie alla loro compatibilità. Oltre ai giunti di accoppiamento e alle guide di fissaggio, i cavi possono essere facilmente posizionati e fissati sugli elementi a chassis. Questo consente di risparmiare tempo e garantire sicurezza.
  7. Assemblaggio facilitato poiché tutte le viti sono montate nella direzione dell’accoppiamento.
Informazioni su Alessia Varalda 854 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.