SPD BTicino: limitatori di sovratensione per tutti i livelli di rischio

La nuova gamma di SPD BTicino è conforme alla norma CEI EN 61643-11 e risponde anche alla variante V5 della CEI 64-8, che riporta un metodo di valutazione del rischio semplificato, ma non cambia il modo di prevedere e usare gli SPD

SPD estrazione cartuccia

Le sovratensioni causate dai fulmini sono responsabili del 25 – 40% (fonte compagnie di assicurazione) dei guasti che si verificano occasionalmente alle apparecchiature elettriche, e si arriva quasi al 60% se si aggiungono le sovratensioni transitorie dovute ad altri motivi.
Un’incidenza che potrebbe essere evitata installando dispositivi SPD, i limitatori di sovratensione. La nuova gamma di SPD BTicino è in grado di rispondere a tutte le tipologie d’impianti a bassa tensione e a tutti i livelli di rischio.

L’installazione degli SPD consente, dunque, di proteggere le apparecchiature sia contro le sovratensioni causate dai fulmini Sia contro le sovratensioni transitorie: rischi sempre di più presi in considerazione dalle normative internazionali e dalle regolamentazioni nazionali.

La normativa CEI EN 61643-11

SPD Bticino blocco agganciabileLa norma CEI EN 61643-11 definisce i due tipi di SPD destinati ai circuiti di bassa tensione:

  • SPD di Tipo 1 (T1), classe di prova I destinati in genere ad essere posizionati all’arrivo linea, normalmente sul quadro generale;
  • SPD di Tipo 2 (T2), classe di prova II, destinati in genere ad essere posizionati nei quadri secondari e centralini;
  • SPD di Tipo 1 e 2 (T1+T2), provati con classe di prova I e II, in grado di svolgere la funzione di protezione dell’impianto e delle apparecchiature in edifici medio/piccoli a valle del quadro generale e di quelli secondari.

La nuova gamma di SPD BTicino è conforme alla norma CEI EN 61643-11 e risponde anche alla variante V5 della CEI 64-8, che riporta un metodo di valutazione del rischio semplificato, ma non cambia il modo di prevedere e usare gli SPD.

In pratica per l’analisi del rischio è possibile utilizzare la formula semplificata della CEI 64-8 V5 (invece di utilizzare la CEI 81-10); se dalla formula esce l’obbligo di usare l’SPD si procede come in precedenza: si analizza l’ambiente (residenziale, terziario……, sistema TN, TT, IT), infine in base all’ambiente e sistema di alimentazione si sceglie l’SPD: per es. Tipo 1 all’ingresso dell’impianto, Tipo 2 sui quadri derivati, Tipo 3 sulle prese terminali.

Caratteristiche degli SPD BTicino

Cartucce sostituibili in sicurezza – sostituzioni agevolate grazie alla maniglia di estrazione, di colore grigio e ben visibile, di cui sono dotate le cartucce

Marcatura e indicazione di stato – facilita l’identificazione del prodotto nel quadro. Sulla sezione frontale è presente un indicatore di stato delle cartucce segnala se il dispositivo è finzoionante (verde) o fuori servizio (rosso)

Protezione fase neutro – integra dispositivi fase+neutro di tipo 1P+N e 3P+N per garantire protezioni ottimali e massima continuità di servizio

Protezione sempre garantita – se una cartuccia è assente o fuori servizio, l’interruttore può comunque essere chiuso in ON e il dispositivo SPD continuerà a proteggere gli altri poli.

Unico contatto di segnalazione – il contatto ausiliario integrato consente di controllare sia lo stato di funzionamento sia la posizione dell’interruttore associato (interruttore ON/OFF, cartucce fuori servizio)

Moduli SPD associabili – semplificano la sicurezza in fase di installazione e manutenzione, riducono la lunghezza di collegamento aumentando l’efficacia della protezione

La connessione tra interruttore e SPD si effettua affiancando i dispositivi, agganciandoli con i ganci di bloccaggio e serrando le viti dell’interruttore.

Informazioni su Alessia Varalda 984 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.