Tecnologie per raggiungere il giusto comfort e benessere in casa

Il comfort tra le mura di casa è legato prima di tutto alla qualità dell’aria che respiriamo e che, grazie alla tecnologia, possiamo rendere sempre ideale

comfort e benessere in casa

Come si ottiene il giusto comfort in casa? In vari modi, e in ogni caso la tecnologia aiuta.
Un punto su cui lavorare per contare sul benessere abitativo è legato certamente a fattori quali: temperatura interna, giusto tasso di umidità dell’aria, ventilazione e ricambio, qualità dell’aria indoor.

Riscaldamento e raffrescamento

Per godere di un adeguato comfort, la temperatura ideale dovrebbe essere mantenuta attorno ai 18-21 °C d’inverno e intorno ai 23-25 °C d’estate.

Per gestire al meglio riscaldamento e raffrescamento, contando sul giusto risparmio energetico e un impatto ambientale quanto più ridotto ci ci sono varie opzioni: nel caso di nuova costruzione, le nuove disposizioni portano alla realizzazione di abitazioni nZEB che applicano, lo spiega l’ENEA nell’ultimo Rapporto sull’Efficienza energetica oltre a un cospicuo isolamento dell’involucro, un set ridotto di tecnologie: “pompe di calore elettriche (per lo più aria-acqua) e impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica è la combinazione più frequente, con la variante della caldaia a condensazione abbinata a impianto solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria”.

Nel caso di ristrutturazione importante, e se l’impianto ha più di 15 anni, “è bene valutarne la sostituzione con nuove caldaie a condensazione o a biomasse, le pompe di calore, o con impianti integrati dove la caldaia è alimentata con acqua preriscaldata da un impianto solare termico e/o da una pompa di calore alimentata con un impianto fotovoltaico”.

In questi casi si può contare sull’ecobonus, se si tratta di un intervento complessivo di riqualificazione energetica o del 50%, se si tratta di una più semplice ristrutturazione edilizia.

Come è importante mantenere una certa temperatura d’inverno lo è anche d’estate. Qui entra in gioco il raffrescamento. Come intervenire in questo caso? Abbiamo visto quali tecnologie possano essere preziose in tal senso: tecnologia a inverter, raffrescamento a pavimento, pompe di calore, solar cooling.

Ventilazione

Altra condizione basilare per contare sul benessere abitativo e il comfort è garantire adeguata ventilazione all’ambiente interno. A questo provvede un impianto di ventilazione meccanica controllata che garantisce il ricambio d’aria e regola il livello di umidità presente, impedendo tra l’altro la formazione di muffe. Oltre a ventilare, il sistema è dotato anche di appositi filtri per la depurazione dell’aria immessa.

Il sistema è particolarmente importante nelle abitazioni nuove o ristrutturate, dove l’isolamento è particolarmente curato ed è necessario un adeguato ricambio d’aria che però garantisca anche il recupero di calore e mantenga la temperatura ed eviti sprechi energetici.

Di soluzioni tecnologiche anche in questo caso ce ne sono molte, l’importante è che assolvano alla funzione per cui sono state realizzate e cioè:

  • assicurare il ricambio d’aria
  • mantenere temperatura e tasso d’umidità
  • filtrare l’aria immessa
  • gestire il tutto assicurando efficienza energetica e impatto ambientale minimo

Purificazione

Sia gli impianti di climatizzazione sia la ventilazione meccanica assolvono la necessità di una ottimale qualità dell’aria. Oltre a questi, sul mercato ci sono anche impianti specifici che rispondono a questa esigenza.

Provvedono, in generale, a filtrare l’aria presente rimuovendo polveri sottili e ultra sottili e allergeni; in alcuni casi (Philips Vitashield IPS , Snap by Elica) tramite opportuni sensori, provvedono a monitorare e a ricambiare automaticamente l’aria se si ravvisano condizioni mutate. Altri provvedono, tramite app, a fornire informazioni in remoto della qualità dell’aria (Dyson Pure Cool).

Andrea Ballocchi
Informazioni su Andrea Ballocchi 85 Articoli
Giornalista freelance, si occupa da anni di tematiche legate alle energie rinnovabili ed efficienza energetica, edilizia e in generale a tutto quanto è legato al concetto di sostenibilità. Appassionato praticante di ciclismo, è autore del libro “Una vita da gregario” (La Memoria del Mondo editrice, prefazione di Vincenzo Nibali) e di un manuale “manutenzione della bicicletta”, edito da Giunti/Demetra.