La mobilità elettrica si fa digitale

Il nostro “viaggio” nelle opportunità della mobilità elettrica secondo That’s Mobility 2018 con le migliori proposte legate a servizi digitali e integrazione

mobilità elettrica si fa digitale

Certi dell’eccellenza tecnologica delle colonnine di ricarica sul mercato, pronte a “dire la loro” nella diffusione della mobilità elettrica, That’s Mobility 2018 ci ha sottoposto un ulteriore banco di prova per la sostenibilità di questa filiera in rapida evoluzione: la sua convergenza digitale nella gestione integrata e intelligente dei servizi.

Che caratteristiche deve assumere la mobilità elettrica ideale? Alla luce degli ultimi trend di mercato, delle politiche eco-friendly e, soprattutto, dei desideri dei cittadini, sempre più stimolati dalle proposte delle case automobilistiche, l’e-mobility dei nostri sogni dovrebbe soddisfare almeno 4 requisiti, diventando:

  • disponibile: reti di ricarica capillari per servire l’utente ovunque si trovi;
  • facile e smart: accesso e prenotazione della stazione tramite app o altri servizi digitali;
  • conveniente: benefici economici tangibili per la scelta elettrica;
  • sostenibile: maggiore percentuale di alimentazione con energia pulita.

Ecco alcuni esempi di come start-up, aziende e utility del mondo elettrico stanno interpretando la sfida digitale della mobilità elettrica.

Interoperabile è bello nell’e-mobility del futuro

servizi digitali ricarica elettrica zapgridDalla collaborazione tra Sonepar, storico distributore di materiale elettrico, e la Esco padovana GMT, nasce l’applicazione per la mobilità elettrica ZapGrid, che semplifica la gestione delle colonnine di ricarica elettrica, indipendentemente dal marchio, generando un’infrastruttura smart e facilmente accessibile a tutti gli attori della filiera e-mobility.

Il software 3 in 1 è infatti rivolto ai gestori, per la rapida impostazione e il monitoraggio di tutte le stazioni di ricarica, ai manutentori, con status di colonnine/prese in tempo reale, identificazione degli errori e prima assistenza, e ai consumatori, tramite app mobile semplice e intuitiva per trovare le soluzioni più vicine alle proprie esigenze. Tutto questo in un unico e interoperabile servizio che, mantenendo le individualità di ciascun gestore, lo supporta in ogni aspetto operativo con app Ev-vay - servizi digitali per ricerca colonnine di ricaricapersonalizzazioni ad hoc, mettendo al contempo a disposizione degli utenti reti di ricarica davvero efficienti.

Al centro della rivoluzione elettrica digitale troviamo anche la mappa evway, piattaforma integrata dedicata agli ev-driver.

evway by Route 220 raccoglie infatti tutte le stazioni di ricarica in Italia e in Europa con le informazioni più utili al consumatore: luogo, potenza, tipo di presa, modalità di accesso, eventuale necessità di tessera, ecc. Una mappa digitale apprezzata anche da gestori di stazioni di ricarica e strutture ricettive, pronti a farsi “trovare” sulla piattaforma evway. Alla base della soluzione, gli obiettivi di offrire esperienze di ricarica attive, promuovere un turismo sostenibile, attraverso lo sviluppo della mobilità elettrica presso le strutture di accoglienza, gli esercizi commerciali e la pubblica amministrazione, e integrare tutti i network europei in un’unica piattaforma aperta e interoperabile.

Dalla colonnina all’app, servono servizi integrati e digitali

A That’s Mobility abbiamo inoltre toccato con mano il ruolo della mobilità sostenibile nella trasformazione delle utility del mondo elettrico, come nel caso di Autogas, che ha scelto la manifestazione milanese per presentare la propria offerta green composta da prodotti e servizi del general contractor Alpiq. AGNe-DRIVE, questo il nome del pacchetto e-mobility, consente di installare wallbox residenziali e colonnine per esercizi commerciali e strutture ricettive usufruendo gratuitamente anche della piattaforma roaming e mobile app Italy easy4you di Alpiq. Grazie alla soluzione personalizzata per Autogas, già adottata da importanti utility europee, gli utenti possono geolocalizzare e accedere a oltre 70mila sistemi di ricarica in Italia e in Europa, migliorando la propria esperienza elettrica.

“Fai tutto tramite smartphone” è il motto di Be Charge, società del gruppo Building Energy dedicata alla diffusione e alla gestione delle infrastrutture di ricarica per la mobilità elettrica.
Al centro dei servizi per la realizzazione di una rete pubblica e capillare sul territorio italiano troviamo infatti l’app di Be Charge, che consente di avviare o interrompere la ricarica in pochi secondi e gestire in sicurezza anche i pagamenti con carta di credito, senza dimenticare la disponibilità di un’ampia gamma di capacità di ricarica, da 3 kW a 50 kW, frutto di energia al 100% rinnovabile.

vetrina-yess energyInteressante infine la proposta integrata della start-up Yess.energy, parte del Gruppo Friem, che dalla produzione e dalla commercializzazione di colonnine di ricarica per veicoli elettrici muove verso servizi digitali e informazioni utili per clienti e gestori. In particolare, il portale web e la YessApp inviano alert per parcheggio, prenotazione, pagamento del punto di ricarica, funzioni di controllo e dialogo sistema/cliente/gestore ideali per verificare lo status del veicolo elettrico in modo semplice e sicuro da casa, in azienda o nei parcheggi pubblici e privati.

Per toccare con mano l’intero ecosistema di servizi Yess.energy, dalle stazioni di ricarica ai i servizi di installazione e manutenzione, fine alle proposte digitali, basta visitare l’ampio show room di Milano (in viale Piceno 32), ulteriore strumento di promozione della mobilità sostenibile.

Maria Cecilia Chiappani
Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 131 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.