L’Intelligenza Artificiale al servizio della Smart Home

L’Intelligenza Artificiale può giocare un ruolo chiave: dalla possibilità di rendere gli oggetti sempre più intelligenti, alla loro gestione tramite la voce, fino a diventare una vera e propria “governante” della casa

Smart home e Intelligenza artificiale

L’Intelligenza Artificiale permetterà lo sviluppo di innumerevoli applicazioni per la Smart Home in grado di generare nuove opportunità di business per le imprese e di fornire un supporto concreto alle persone nell’abitazione.

Secondo la ricerca sulla Smart Home dell’Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano sono tre i ruoli che l’Intelligenza Artificiale può giocare in questo mercato.

“Nei prossimi anni l’Intelligenza Artificiale giocherà un ruolo chiave in questo mercato – ha evidenziato Giovanni Miragliotta, Responsabile scientifico dell’Osservatorio Internet of Things -. Gli algoritmi di machine learning possono migliorare le funzionalità rendendo gli oggetti sempre più intelligenti. Inoltre, può migliorare il funzionamento e la capacità di comprensione degli assistenti vocali e si candida a diventare una vera e propria governante delle nostre abitazioni”.

I 3 ruoli dell’Intelligenza Artificiale

1 – Oggetti sempre più intelligenti – gli algoritmi di machine learning possono agire “dentro” gli oggetti connessi, consentendo di migliorarne le funzionalità e di elaborare i dati direttamente in locale, senza che sia necessario passare dal cloud. La maggiore potenza computazionale a bordo dei dispositivi fornisce loro un’autonomia decisionale più elevata, portando verso il cloud solo informazioni pre-elaborate e riducendo di fatto la quantità di dati da gestire, con effetti positivi in termini di tempi di elaborazione e storage.
Pensiamo a una videocamera in grado di riconoscere i volti degli utenti in maniera autonoma, oppure a un irrigatore che in base alle condizioni del meteo e di decidere autonomamente quando irrigare.

2 – Gestione degli oggetti con la voce – migliorare il funzionamento e la capacità di comprensione degli assistenti vocali dando istruzioni in modo semplice e naturale, senza la necessità di utilizzare password grazie alla possibilità di riconoscere anche il timbro vocale.

3 – Governante della casa – abilitare servizi di valore: dalla gestione dell’energia alla vigilanza, fino al supporto nel realizzare acquisti. L’utilizzo del machine learning in questo scenario è sicuramente più rilevante: in generale, le tecniche di apprendimento e ottimizzazione alla base dell’Intelligenza Artificiale acquisteranno un ruolo sempre maggiore per affiancare ai servizi più tradizionali nuove logiche in grado di soddisfare – e in molti casi anticipare – i bisogni dell’utente.

Intelligenza Artificiale: nuovi modelli di business

Nei prossimi anni lo sviluppo del mercato Smart Home, e più in generale dell’Internet of Things, non dipenderà più solo dalla crescente diffusione di prodotti connessi, o delle loro “tradizionali” funzionalità, ma anche dalla possibilità di pensare ai prodotti come a un canale di vendita, anch’esso intelligente, attraverso cui portare al cliente servizi innovativi o addirittura funzionalità di prodotto avanzate.

“Anche in questo caso l’Intelligenza Artificiale potrà giocare un ruolo chiave: basti pensare a quante opportunità di business potrebbero aprirsi se gli oggetti connessi fossero in grado di arricchirsi di funzionalità acquistandole “in autonomia” (o suggerendone l’acquisto)” ha aggiunto Miragliotta.

Avatar
Informazioni su Alessia Varalda 1273 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.