Auto elettriche plug-in: buone notizie sul fronte ricarica

La mobilità elettrica globale è pronta alla svolta? Come l’inarrestabile diffusione delle auto elettriche plug-in (PEV) stimola il mercato dell’infrastruttura di ricarica

auto elettriche plug-in in carica

Più auto elettriche plug-in per tutti: i principali analisti di mercato globali concordano nell’affidare alla diffusione dei cosiddetti PEV (Plug-in Electric Veichles) la rivoluzione della mobilità sostenibile. Lungi dall’essere “forti” nel solo contesto privato, i veicoli elettrici plug-in rappresentano ormai un’importante e validata opzione di scelta anche per le flotte aziendali e la distribuzione delle merci.

Non a caso Navigant Research traccia uno scenario di sviluppo mondiale caratterizzato da 127 milioni di auto elettriche plug-in in circolazione entro il 2030, contro i 5 milioni registrati nel 2018. L’industria automotive ringrazia, l’ambiente anche.

Ma cosa accadrebbe se tutti i mezzi fossero PEV? Doverosa, a questo punto, un’ulteriore riflessione sul mercato dell’infrastruttura di ricarica dei veicoli elettrici.

Come sarà la mobilità elettrica tra dieci anni?

L’idea di un “full electric” nei mezzi di trasporto entro il 2030 resta naturalmente provocatoria. Tuttavia, il report “EV Charging Equipment Market Overview” di Navigant Research parla chiaro: il boom dei veicoli elettrici su scala globale è atteso intorno alla seconda metà del 2020, quando soprattutto i mezzi leggeri – chiamati light duty PEV – toccheranno il vero e proprio punto di svolta.

Una crescita dovuta alla confluenza di tre fattori chiave:

  • prezzi delle batterie in discesa;
  • tecnologie innovative per la ricarica EV;
  • politiche governative contro le emissioni inquinanti nel transportation.

Pensiamo dunque ai milioni e milioni di auto elettriche plug-in affamate di energia: nei prossimi dieci anni non potranno mancare gli investimenti in infrastruttura di ricarica EV e la filiera tecnologica diventerà sempre più competitiva.

L’infrastruttura di ricarica si fa smart: affidabilità, efficienza e servizi digitali

ricarica veicoli elettriciCosa aspettarsi, dunque, dalle nuove stazioni di ricarica dei veicoli elettrici? I recenti investimenti delle aziende automobilistiche e dei big dell’energia, uniti al supporto di politiche nazionali e normative mirate alla mobilità sostenibile, porteranno servizi di ricarica più intelligenti, rapidi e convenienti.

Allo stesso tempo, cambierà anche la natura dell’energia richiesta dai PEV: l’utilizzo delle colonnine di ricarica pubbliche è destinato a crescere di pari passo con l’aumento dei veicoli elettrici condivisi da più persone. Non dimentichiamo l’integrazione smart dell’infrastruttura di ricarica e la sua connessione a rinnovabili, sistemi di accumulo e servizi digitali. Un insieme di tendenze di certo interesse per gli operatori dei punti di ricarica (CPO) e per le aziende impegnate nello sviluppo di piattaforme di gestione intelligente di tali installazioni.

Quante stazioni di ricarica EV conteremo nel 2030?

Dopo tanto parlare di scenari e potenzialità, ecco alcune cifre del report di Navigant Research: il mercato globale dell’infrastruttura di ricarica dei veicoli elettrici plug-in (light, medium e heavy duty) passerà da 1,4 milioni di unità vendute e installate nel 2019 a oltre 12 milioni di unità entro il 2030. Tradotto, il settore dei componenti e dell’installazione di punti di ricarica chiuderà il 2019 a quota 13 miliardi di dollari, spianando la strada ai 63 miliardi di dollari attesi nel 2030.

Interessanti anche le cifre legate agli altri attori del mercato PEV: i servizi di ricarica e la fornitura di energia elettrica approderanno al 2030 con un giro d’affari superiore a 140 miliardi di dollari. Il 45% del risultato stimato si deve in particolare alla seconda voce, ampiamente “inglobata” dal settore dell’energia elettrica.

Il gigante dell’infrastruttura di ricarica sembra essersi finalmente svegliato: il futuro delle auto elettriche plug-in dipende anche dagli investimenti e dall’innovazione tecnologica in questo campo.

Maria Cecilia Chiappani
Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 191 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.