Piattaforma E-Car Operation Center per ricaricare i veicoli elettrici

Nella sede di Siemens in Argentina i veicoli elettrici si ricaricano grazie alla piattaforma software E-Car Operation Center sviluppata in Italia

Piattaforma E-Car Operation Center

La piattaforma E-Car Operation Center (OC), sviluppata nei laboratori italiani di Siemens, gestisce e controlla le colonnine di ricarica nella sede della società in Argentina, nella località di Munro.

La piattaforma E-Car OC per la gestione dell’infrastruttura di ricarica dei veicoli elettrici è nata in Italia nel 2009 a seguito del progetto e-mobility Italy promosso da Enel e Daimler. Siemens Italia, in qualità di partner tecnologico, ha sviluppato la prima versione.

Il costante impegno nell’ambito dell’e-mobility, ha portato nel 2013 il riconoscimento di Global Competence Center al team italiano, con la responsabilità, a livello mondiale, dello sviluppo della piattaforma e della gestione del relativo business. Da allora, sono costantemente aumentati i progetti che hanno visto la piattaforma E-Car OC protagonista, non solo in Italia, ma anche in Europa e Sud America.

Gli uffici argentini sono stati idotati di una Charging station Pole Siemens da 22 kW, utile alla ricarica di due veicoli elettrici e gestita attraverso la piattaforma E-Car OC. Pensata, sin dall’inizio, come un Software as a Service (SaaS), da offrire anche in ambiente cloud e sviluppata utilizzando tecnologie innovative e di ultima generazione, la piattaforma E-Car OC è multitenant, ovvero in grado di gestire più stakeholder di tipo CPO (Charging Point Operator) e EMP (Electric Mobility Provider) con un’unica installazione.

Una soluzione completa, quella fornita alla sede Siemens in Argentina, in qualità di applicazione dimostrativa in ambito e-mobility e per eventuali sviluppi futuri del business ma soprattutto un passo in avanti per puntare a emissioni zero entro il 2030.

Obiettivi Siemens: diventare a emissioni zero entro il 2030

Siemens ha definito una strategia focalizzata su quattro leve:

  1. Programma Efficienza Energetica (EEP) per ridurre il consumo energetico degli edifici e degli stabilimenti produttivi dell’azienda;
  2. introduzione sempre più diffusa dei sistemi di energia distribuita (DES) che consentono di ottimizzare i costi di energia delle diverse sedi e impianti produttivi di proprietà;
  3. impiego di veicoli a basse emissioni e di soluzioni di e-mobility nella propria flotta a livello globale;
  4. raggiungere un mix energetico “pulito” che passa dall’acquisizione di elettricità proveniente da fonti energetiche a basso o nullo impatto ambientale come l’eolico e l’idroelettrico.
Informazioni su Alessia Varalda 1035 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.