Smart Mobility Report: mercato, previsioni, barriere della mobilità elettrica

L'Italia alla sfida del cambiamento green: il mercato italiano è ancora indietro rispetto ai principali partner europei, ma è un trend crescente come evidenziato nello Smart Mobility Report

prostettive e terand auto elettrica a smart mobility report

Quello della mobilità elettrica è un tema molto promettente: minori consumi, sostenibilità, comfort di guida. Ma tante promesse devono andare di pari passo con risposte certe da parte dei costruttori e, altrettanto importante, delle infrastrutture logistiche necessarie.

That’s Mobility, l’elettrico alla (ri)carica

L’evoluzione del mercato della mobilità elettrica a livello mondiale, europeo e italiano e il suo ruolo di spicco nella transizione energetica, sono stati oggetto della seconda edizione dell’evento That’s Mobility (MiCo Milano, 25-26 settembre).

Smart mobility report presentazione dati mobilità sostenibile“Una manifestazione che ci sta riservando grandi soddisfazioni, nei contenuti come nel lato espositivo – esordisce Massimiliano Pierini, managing director di Reed Exhibitions Italia – That’s Mobility nasce dalla componente energetica che ci compete, siamo leader al mondo sulle energie con MCE – Mostra Convegno Expocomfort, da qui abbiamo deciso di creare questo evento in collaborazione con Energy & Strategy Group. In questi due giorni verrà offerta una panoramica su quanto di più innovativo abbiamo oggi sul mercato: infrastruttura ricarica, storage, leasing, modelli di auto e moto elettriche, sharing e altri accessori”.

Gradita anche la presenza in videoconferenza del Senatore Gianni Girotto, Presidente della 10a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo).
Il Senatore Girotto ha confermato l’interesse per i temi trattati a That’s Mobility (“Da circa 3 anni seguo il mercato della mobilità sostenibile”) segnalando alcuni punti chiave per lo sviluppo della mobilità elettrica nel nostro Paese:

  • semplificazione della burocrazia per l’installazione di colonnine private nei comuni italiani;
  • erogazione puntuale di 3,7 miliardi di euro per il rinnovo del parco autobus;
  • analisi Ispra per l’analisi delle emissioni dei veicoli a gas;
  • risolvere la lacuna del bonus/malus dei quadricicli;
  • realizzare una normativa sul retrofit integrata con la categoria dei ciclomotori;
  • sviluppare i settori collaterali, come gli aggregatori, le comunità energetiche e l’autoconsumo.

Durante la prima giornata sono stati presentati i risultati dello Smart Mobility Report, redatto dall’Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano attraverso i principali macro-trend che stanno ridisegnando il mondo della mobilità verso la smart mobility. Perché smart mobility? Risponde Vittorio Chiesa direttore dell’Energy & Strategy Group, “parliamo di evoluzione del mondo della mobilità tradizionale verso un modello più sostenibile dal punto di vista ambientale, economico e sociale: dall’elettrificazione alla sharing mobility, all’uso dei veicoli elettrici come soggetto attivo all’interno del sistema elettrico (Vehicle-Grid Integration)”.

La mobilità elettrica nel mondo

smart mobility reportLe auto elettriche immatricolate nel 2018 sono state 2,1 milioni (includendo passenger cars e Light Duty Vehicles) sia full electric (BEV) sia ibridi plug-in (PHEV), registrando una crescita del 78% rispetto all’anno precedente. Un risultato che evidenzia gli sforzi messi in atto dai governi e dall’industria automobilistica, sono necessarie strategie politiche di sostegno alla mobilità sostenibile, attività di ricerca e sviluppo per accelerare la transizione verso la mobilità elettrica.

I dati dello Smart Mobility Report evidenziano che la Cina si conferma primo mercato per i veicoli elettrici con 1,2 milioni di nuovi veicoli elettrici (+78%), il triplo dell’Europa, mentre l’Europa mantiene il secondo posto davanti a Stati Uniti e Giappone. Per quanto riguarda l’Europa, al primo posto la Norvegia con oltre 72.000 nuove auto elettriche, segue la Germania con 67.000, poi Gran Bretagna e Francia.

I numeri della mobilità elettrica in Italia

In Italia siamo ancora in attesa del grande boom. Qual è la situazione del mercato e quali ostacoli rallentano la diffusione dei veicoli elettrici?
Nel 2018 sono state immatricolate 9.579 auto elettriche, di cui 5.010 BEV e 4.569 PHEV, pari allo 0,5% del totale delle immatricolazioni (quasi 2 milioni di auto nel 2018). Questo porta a 22.000 auto elettriche in circolazione a fine 2018.

“Il mercato ha visto forte incremento nei primi 7 mesi del 2019, anche grazie a ecobonus sull’acquisto dell’auto elettrica, 6000 auto vendute, 1000 in più rispetto al 2018 e tasso di crescita del 113%. Insomma, il volano è lanciato!” ha aggiunto Pierini.

Certo sono numeri esigui se paragonati ai valori del mercato europeo – 384.000 auto elettriche immatricolate nel 2018 – ma dimostrano che anche in Italia si sta puntando su una mobilità più sostenibile e consapevole.

“E’ ormai chiaro a tutti che non stiamo più parlando di una ‘nicchia’, ma di una componente fondamentale dei trasporti del futuro. – ha sottolineato Chiesa – Il Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC) fissa obiettivi ambiziosi per i prossimi anni”.

La strada dunque è tracciata, ma le difficoltà da superare sono molte. La diffusione della mobilità elettrica è rallentata da alcune barriere di tipo economico (costo di acquisto del veicolo), tecnologico (range della batteria, tempi di ricarica, diffusione dell’infrastruttura di ricarica, interoperabilità…) anche se in misura minore rispetto al report del 2018, ambientale (smaltimento delle batterie).

Tre barriere una più intangibile, ma non per questo meno difficile da abbattere: quella psicologica, il cosiddetto “range anxiety” legato al tempo di ricarica e l’ansia di non trovare una colonnina di ricarica.

Tra coloro che posseggono un veicolo elettrico, oltre i 2/3 ha dichiarato di ricaricare il veicolo a casa, mentre il restante 30% si ripartisce tra chi ha la possibilità di ricaricare l’auto elettrica al lavoro (20%) e chi invece deve fare esclusivo affidamento alla ricarica pubblica (10%).

L’evoluzione dell’infrastruttura di ricarica

La maggiore diffusione di veicoli elettrici in circolazione non può ovviamente prescindere dall’ampliamento della rete di ricarica accessibile al pubblico. Per quanto riguarda il nostro Paese sono presenti  al 31 luglio 2019 quasi 8.200 punti di ricarica pubblici e privati ad accesso pubblico, di cui il 20% circa di tipo “fast charge”.

Nonostante la crescita rispetto all’anno precedente, è un numero ancora non adeguato a sostenere l’alimentazione di un parco crescente di veicoli elettrici. Inoltre, la diffusione non è omogenea e presenta differenze notevoli anche fra regione e regione, con un divario evidente fra il Sud e le altre aree del Paese.

In particolare, la Lombardia è l’unica Regione con oltre 1.000 punti di ricarica, seguita da Lazio, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana e Sicilia con oltre 500 punti di ricarica.

Scenari futuri per credere nella mobilità elettrica

Smart Mobility Report punti di ricarica
Il numero dei punti di ricarica dei tre scenari presentati nello Smart Mobility Report

Smart Mobility Report 2019 traccia 3 possibili sviluppi al 2030 per l’Italia:

  • sviluppo conservativo: l’adozione di veicoli elettrici non supera i 2,5 milioni di veicoli circolanti al 2030, con il picco della quota di mercato delle nuove immatricolazioni in quell’anno pari al 30% del totale
  • sviluppo moderato: le auto elettriche raggiungono il 23% di nuove immatricolazioni già nel 2025 per arrivare oltre al 50% nel 2030, anno in cui quelli circolanti superano i 5 milioni pari al 13% del totale;
  • sviluppo ottimistico: rapido aumento delle immatricolazioni già prima del 2025, quando raggiungono il 30% e quasi 2 milioni di veicoli circolanti. Al 2030 le immatricolazioni di veicoli elettrici si attestano nell’intorno del 65%, trainate dai veicoli full electric (l’85% del mix), raggiungendo i circa 7 milioni (20% del circolante totale).
Avatar
Informazioni su Alessia Varalda 1298 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.