Mai pensato di visitare le Cascate del Niagara in nave elettrica?

Passi avanti nel turismo sostenibile, anche in acqua: ABB fornirà al tour operator delle Cascate del Niagara le prime navi completamente elettriche di tutti gli Stati Uniti

navi elettriche Cascate del Niagara

La mobilità sostenibile conquista una delle meraviglie naturali più famose al mondo: presto sarà possibile avvicinarsi alle Cascate del Niagara a bordo delle due navi elettriche attrezzate da ABB per il tour operator americano Maid of the Mist.

Un’indimenticabile esperienza a emissioni zero, senza vibrazioni, fastidiosi rumori e gas di scarico, possibile grazie al pacchetto batteria con capacità totale 316 kWh che alimenterà ciascuna imbarcazione. Non solo, avere a bordo due sistemi elettrici completamente indipendenti aumenterà la resilienza delle operazioni, aumentandone l’affidabilità.

Mobilità sostenibile: anche le imbarcazioni contano

Facciamo un passo indietro: la mobilità sostenibile ricopre un ruolo fondamentale nella lotta ai cambiamenti climatici; in particolare i trasporti marittimi contribuiscono al 2-3% delle emissioni globali di gas serra. Per questo l’International Maritime Organization, agenzia delle Nazioni Unite dedicata alla navigazione, ha fissato un obiettivo globale per ridurre del 50% le emissioni annuali entro il 2050 rispetto ai livelli del 2008.

Si colloca dunque in questo percorso virtuoso verso e-mobility e navi elettriche anche la scelta di Maid of the Mist. “Siamo entusiasti di essere i primi imprenditori americani a realizzare traghetti elettrici – conferma il presidente Christopher M. Glynn -. Abbiamo scelto ABB per supportare questo viaggio verso una maggiore sostenibilità affidandoci alla sua esperienza nell’integrazione di sistemi marittimi, nonché di tecnologie efficienti e innovative per il trasporto sostenibile”.

Come funzionano le navi elettriche del Niagara?

L’operatore turistico statunitense opera normalmente dal mese di aprile alla prima settimana di novembre, con traghetti che partono per raggiungere la base delle cascate ogni 30 minuti e un totale di 1,6 milioni di ospiti annui. Le navi elettriche targate ABB caricheranno le batterie durante ogni viaggio, mentre i passeggeri sbarcano e salgono a bordo. Per ricaricare le imbarcazioni da terra servono infatti solo sette minuti e i motori elettrici di propulsione possono essere alimentati con potenza totale di 400 kW (563 CV). L’impostazione della potenza sarà inoltre controllata dal sistema integrato di gestione dell’energia (PEMS) di ABB, pronto a ottimizzare i consumi energetici a bordo.

Oltre all’integrazione della connessione di ricarica della batteria nave-terra, ABB fornirà al progetto Maid of the Mist quadri elettrici, azionamenti e sistema di controllo integrato e l’ABB Ability Marine Remote Diagnostic System per il monitoraggio da remoto delle apparecchiature e per la manutenzione predittiva.

Le batterie del sistema fornito da ABB si ricaricheranno in soli 7 minuti

La ricarica delle imbarcazioni sarà altrettanto sostenibile?

Un ultimo aspetto non trascurabile riguarda la fonte energetica utilizzata per la ricarica delle navi: le stazioni di ricarica saranno infatti alimentate a energia idroelettrica, la rinnovabile per eccellenza degli Stati Uniti che copre il 7% della produzione totale di elettricità. Ecco perché il funzionamento delle nuove navi Maid of the Mist risulterà completamente privo di emissioni.

Utilizzare navi elettriche e inquinare meno a Niagara Falls non è importante solo dal punto di vista ecologico, ma dimostra anche che le tecnologie utili a raggiungere questi obiettivi sono già disponibili e applicabili in contesti reali di mobilità sostenibile.

Maria Cecilia Chiappani
Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 224 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.