Comfort, efficienza energetica e smart building… aspettando MCE 2018

Massimiliano Pierini ci racconta MCE 2018, vivace espressione di una multisettorialità che unisce impiantistica, rinnovabili, efficienza energetica e soluzioni smart

MCE 2018

MCE 2018 nell’era degli smart building: la definizione ideale per un altrettanto riuscito modello di integrazione tra settori che ha visto cambiare edizione dopo edizione il volto di Mostra Convegno Expocomfort. Da fiera verticale altamente specializzata nel settore dell’impiantistica termica, a “hub” dell’edificio, cuore pulsante di tutto ciò che di tecnologico e di innovativo possiamo trovare nella connessione tra comfort, idrotermosanitario, regolazione smart, domotica, rinnovabili, efficienza energetica e sostenibilità ambientale.

Massimiiano PieriniUna non semplice ma riuscita evoluzione strategica che ripercorriamo insieme a Massimiliano Pierini, managing director di Reed Exhibitions Italia: “Da un lato si è trattato di un passaggio naturale, guidato dai cambiamenti del mercato. Un tempo parlare di energie rinnovabili, più comunemente denominate “alternative” – era un qualcosa di pionieristico, oggi è un ampliamento necessario, dovuto anche all’ormai inscindibile binomio tra prodotto e rating di efficienza energetica, rispondente alle ultime direttive “green”. Risulta invece più complicato avvicinare, nel concreto delle installazioni, il tradizionale mondo dell’impiantistica al settore della regolazione del comfort e della gestione intelligente di riscaldamento, raffrescamento, e non solo. Se le tecnologie sul mercato e le attività di progettazione sono pronte a recepire tali tendenze, è invece importante sensibilizzare maggiormente i professionisti che installano impianti idrotermosanitari ed elettrici”.

Questo secondo passaggio di natura culturale vede la manifestazione biennale in prima linea nel promuovere, tra gli operatori del settore, un approccio intelligente allo sfruttamento energetico degli edifici, grazie all’integrazione tra diverse tecnologie con domotica, building automation ed energie rinnovabili.

Comfort e domotica connessi in That’s Smart

That's smartCaldo, freddo, acqua ed energia sono gli elementi chiave di ogni edificio. Nei progetti di smart building, tuttavia, il tradizionale concetto di impianto si trova ad abbracciare le tecnologie più avanzate, in grado connettere i quattro componenti in sistemi performanti ed efficienti.

A queste soluzioni MCE 2018 dedica That’s Smart, area espositiva e convegnistica dedicata a building automation, domotica, Internet of Things, smart metering, rinnovabili, termoregolazione e gestione intelligente degli impianti, dove la sinergia tra mondo elettrico e ITS offre ai visitatori le soluzioni che meglio rappresentano il concetto di smart building.

“Il progetto That’s Smart sta registrando crescite a doppia cifra – commenta Pierini -. Grazie anche al patrocinio di KNX Italia e di ANIE Rinnovabili stiamo raccogliendo con soddisfazione le adesioni di marchi leader del settore e siamo convinti che ci siano ulteriori margini di miglioramento, viste le potenzialità del mercato. Del resto MCE è l’unica fiera attualmente in grado di mostrare efficacemente l’integrazione tra due elementi, impiantistica e domotica, offrendo una quadro completo sullo stato dell’arte del settore, tra nuovi prodotti, soluzioni e trend di mercato”.

MCE in città: il primo “fuori salone” di efficienza energetica e soluzioni smart

MCE in CittàSenza tradire il proprio animo B2B, la manifestazione uscirà per la prima volta dai confini del polo fieristico per raggiungere il cuore di Milano con MCE in Città, in piazza Gae Aulenti dal 10 al 18 marzo.

Un’altra dimostrazione della vocazione multisettoriale e inclusiva di Mostra Convegno Expocomfort che punta ad avvicinare anche l’utente finale alle più recenti tecnologie per il risparmio energetico e la sostenibilità, come sottolinea Massimiliano Pierini: “MCE rimane una fiera dedicata ai professionisti, ma non possiamo ignorare che il consumatore sia sempre più evoluto e informato, stimolando di fatto dal basso la domanda di soluzioni smart. Per questo realizzeremo una grande installazione in città, fruibile per un’intera settimana, parlando ai cittadini di ogni età con linguaggi semplici e basati sul concetto di “shock dello spreco”, per far capire al consumatore che bastano piccoli accorgimenti per risparmiare in bolletta e giovare all’ambiente. Istituzioni e sponsor si sono mostrati molto ricettivi a riguardo, è come se avessimo intercettato una sentita necessità di coinvolgere la città nelle opportunità offerte dall’efficienza energetica. Prova ne è che il Comune di Milano, oltre a concedere il patrocinio a MCE in Città, ha voluto istituire ufficialmente la “settimana dell’efficienza energetica” (denominazione ufficiale ancora in via definizione, ndr), che si terrà ogni anno a marzo, anche se non in concomitanza con la fiera. Istituzioni, associazioni e stakeholder si uniscono nella nuova iniziativa dedicata a un tema, quello dell’efficienza energetica, oggi fondamentale per ogni amministrazione pubblica”.

Con MCE in Città, la fiera esce dai propri cancelli per sensibilizzare anche i cittadini su efficienza energetica e sostenibilità

La comunicazione cambia, con le guide targate MCE LAB

L’apertura a nuovi segmenti di mercato e agli utenti finali, pur mantenendo la promozione delle “storiche” componenti di MCE, si esprime anche attraverso i progetti di MCE LAB, brand creato per diffondere una cultura dell’innovazione e del vivere sostenibile tra professionisti e consumatori attraverso due guide realizzate con il supporto del Politecnico di Milano Dipartimento ABC.

La “Guida pratica per migliorare il comfort abitativo e risparmiare”, illustra le informazioni utili per orientare l’utente finale nel migliorare comfort ed efficienza energetica, fornendo un quadro d’insieme sintetico ma completo su tecnologie e incentivi disponibili.

La seconda pubblicazione è legata invece al Percorso Efficienza & Innovazione, altro fiore all’occhiello dell’edizione 2018. “La guida, che contiene una selezione di prodotti presentati dagli espositori di MCE, rappresenta un valore aggiunto nei servizi offerti ai visitatori. Seguendo infatti il percorso virtuale approntato sempre in collaborazione con il Politecnico, essi potranno organizzare la propria visita nei padiglioni andando direttamente al “top” di quanto offerto quest’anno dal mercato globale. Non solo, la pubblicazione rappresenta anche un ulteriore strumento per sottolineare e supportare gli sforzi che tante aziende compiono nell’innovare” conclude Pierini.

MCE 2018 si preannuncia così un’edizione tutta da vivere, nelle opportunità di business divenute ormai un riferimento internazionale per i settori dell’impiantistica e della climatizzazione, come nelle iniziative speciali pensate per diffondere la cultura dell’integrazione, delle soluzioni intelligenti e dell’efficienza energetica tra professionisti e consumatori.

Per quattro giorni MCE 2018 sarà il cuore globale dell’integrazione tra impianti, comfort, rinnovabili e smart building

Maria Cecilia Chiappani
Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 139 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.