MCE – Mostra Convegno Expocomfort: la strada per l’efficienza energetica

Da una ricerca commissionata da MCE – Mostra Convegno Expocomfort a Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano emerge che l’integrazione fra tecnologie sia la strada per l’efficienza energetica.

Conferenza stampa MCE 2018

Presentati i dati della ricerca “L’efficienza energetica nel comparto industriale e nel terziario pubblico e privato”, commissionata all’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano, da MCE – Mostra Convegno Expocomfort, la manifestazione biennale dell’impiantistica civile e industriale, nella climatizzazione e nelle energie rinnovabili, che si svolgerà dal 13 al 16 marzo 2018 in Fiera Milano.

Frattini conferenza MCE 2018L’obiettivo della ricerca è quello di offrire una fotografia delle tecnologie per l’efficienza energetica più utilizzate nel mondo industriale e nel settore terziario, pubblico e privato e comprenderne costi, benefici e potenzialità di investimento.

Focus particolare sulle soluzioni di Digital Energy, che grazie alle tecnologie IoT, consentono un monitoraggio e controllo dei consumi energetici.

Le tecnologie sono ormai mature e emerge che – tra tecnologie tradizionali e digitali per l’efficienza energetica nel mondo industriale e nel terziario – l’attenzione alle applicazioni IT si stanno affermando garantendo miglioramenti delle performance e nuove opportunità di risparmio.

Dal punto di vista delle singole tecnologie emerge come il potenziale più elevato sia appannaggio dei sistemi di illuminazione e Smart Lighting System con una stima compresa tra 5,2 – 5,7 mld € dagli attuali di 1,160 mld €.

Ottime potenzialità per le pompe di calore ad alta efficienza, soprattutto per quanto riguarda le applicazioni residenziali e nel terziario, e delle soluzioni di isolamento termico a cappotto.

Investimenti in crescita anche per altre soluzioni che saranno presenti a MCE – Mostra Convegno Expocomfort, come le caldaie a condensazione che potrebbero crescere dagli attuali 330mld € a mercato di 1,5 a 1.6 mld € nel 2020, il solare termico da 260 mld € a 1,1-1,2 mld € nel 2020 e il fotovoltaico da 595 mld € a 2,1-2,5 mld € nel 2020.

Analizzando le soluzioni “Digital Energy”, il potenziale di sviluppo è tra i 705 e i 755 mln €, nei prossimi 4 anni.

Dall’analisi risulta chiaro che l’integrazione fra tecnologie sia la strada per l’efficienza energetica degli ambienti costruiti. Un’integrazione che anche per questa edizione sarà al centro di MCE, per raccontare la progettazione di un comfort abitativo sempre più energeticamente efficiente, connesso e conveniente.

MCE 2018 presenterà una panoramica completa dal riscaldamento all’attrezzeria e componentistica, dal condizionamento dell’aria alla refrigerazione e ventilazione, dalla tecnica sanitaria al trattamento dell’acqua, dalle energie rinnovabili alla home & building automation e alla mobilità elettrica.

Innovazione tecnologica intesa come digitalizzazione dei prodotti e dei processi, integrazione tra mondo elettrico e termico, tra fonti energetiche tradizionali e rinnovabili: sistemi in grado di assicurare qualità dell’aria, comfort, risparmio energetico, sicurezza e ottimizzazione delle risorse.

Informazioni su Alessia Varalda 1030 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.