Sicurezza 2019: parola d’ordine integrare (con privacy)

Formazione e innovazione a Sicurezza 2019, che porterà a Milano dal 13 al 15 novembre tutte le novità in ambito security & fire e smart building, senza dimenticare privacy e GDPR

sicurezza 2019 integrazione con privacy

Sentirsi sicuri a casa come in città, nei luoghi pubblici come sul posto di lavoro: non serve analizzare sondaggi e statistiche per comprendere come la sicurezza resti in cima alle priorità dei cittadini italiani. Guardando al diffuso clima di insicurezza e alla necessità di proteggere le persone, ancor prima dei beni, Sicurezza 2019 (Fiera Milano, 13-15 novembre) si preannuncia specchio “dinamico” di un mercato in costante evoluzione – quanto a innovazione tecnologica, player e normative -, in grado di abbracciare le esigenze di confronto e di aggiornamento di tutti i protagonisti della filiera.

Se le tecnologie di security per il residenziale registrano crescite costanti – complici gli incentivi statali degli ultimi anni -, anche le soluzioni integrate per ambienti professionali raggiungono un’ampia platea di clienti finali, pronti a coniugare sicurezza, efficienza e benessere con sistemi intelligenti e massima attenzione alla privacy. Tendenze che troveranno ampio riscontro nell’area espositiva – cresciuta di un padiglione -, nei convegni e nei percorsi formativi di Sicurezza 2019.

I 4 focus di Sicurezza 2019 fanno leva sulle competenze

sicurezza 2019Tanti gli spunti di riflessione sul “campo” espositivo per i protagonisti degli smart building, che potranno contare su un panel di incontri di alto livello, promosso in collaborazione con associazioni ed editori e finalizzato all’aggiornamento di ogni categoria professionale.

In attesa di conoscere ulteriori dettagli sul programma di Sicurezza 2019, anticipiamo i 4 focus dell’appuntamento milanese:

  1. Videosorveglianza: telecamere smart, immagini HD e performance in ogni condizione ambientale e atmosferica sono i requisiti dei nuovi sistemi integrati;
  2. Controllo accessi: tra serrature elettroniche e soluzioni biometriche altamente sofisticate, anche questo ambito della security è sempre più smart;
  3. Antintrusione: sistemi orientati a integrare la gestione di case e uffici, consentendo controllo da remoto con app e interventi di manutenzione preventiva;
  4. Raccolta e protezione dati: la grande sfida del settore riguarda la recente applicazione del GDPR.

Asset strategico per l’efficacia di ogni tecnologia installata e integrata, la governance dei dati raccolti dai sistemi smart rappresenta il valore aggiunto, nonché l’indice di affidabilità, di ogni scelta in tema di sicurezza. Ecco perché Sicurezza 2019 mette al centro anche le competenze degli operatori del settore: costruttori, progettisti e installatori, ma anche grandi utilizzatori e privati, sono infatti chiamati a comprendere e a diffondere una nuova “cultura” della sicurezza fisica e logica.

Tecnologia e privacy, integrazione e smart building, le grandi sfide di Sicurezza 2019

Dalla sicurezza agli edifici intelligenti, l’integrazione è servita

Sicurezza 2019 conferma inoltre la partnership con Smart Building Expo, manifestazione di Fiera Milano e Pentastudio che “connette” il mondo security all’edificio intelligente. Pensando all’evoluzione del mercato impiantistico, la proposta parallela a Sicurezza completerà il tradizionale ambito dell’home & building automation con riflessioni legate alla transizione energetica e all’autoproduzione con impianti rinnovabili smart, aprendo nuovi scenari di mobilità elettrica e smart city.

Maria Cecilia Chiappani
Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 155 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.