La trasformazione digitale come visione corale di scuola e impresa

La genesi di una partnership, quella tra Schneider Electric e Hoepli, e di una collana editoriale pensata per cogliere la trasformazione digitale con didattica smart e visione integrata

trasformazione digitale scuola e impresa

Cosa hanno in comune trasformazione digitale ed editoria? Chi pensa che le nuove tecnologie per la didattica possano soppiantare l’apporto dei libri all’evoluzione culturale accademica verso la sfida digitale, dovrà ricredersi guardando il progetto condiviso da Schneider Electric e Hoepli nella collana “Laboratori di Alternanza Scuola & Lavoro – Percorsi formativi per le future professioni”, inaugurata dal primo focus su Industria 4.0.

Una proposta didattica “corale” che parla al mondo dell’istruzione secondaria come alle università, ai docenti come ai professionisti, supportando quella contaminazione di conoscenze necessaria a creare visioni integrate e multidisciplinari. “Il volume Industria 4.0 e la co-progettazione orientata al lancio di una collana editoriale innovativa, nell’era della digital transformation, nascono da un ascolto empatico e autentico tra Schneider Electric e Hoepli, nella consapevolezza che i risultati migliori si ottengono facendo sistema con altre realtà d’eccellenza”, spiega Laura Bruni, Direttore Affari Istituzionali e Relazioni Esterne Schneider Electric.

Competenze trasversali al centro di Industria 4.0

Alla comunione d’intenti espressa dalle due note realtà imprenditoriali, si unisce nella genesi dell’opera la diagnosi circa la mancanza di strumenti formativi efficaci per accompagnare gli studenti verso un mercato del lavoro sempre più bisognoso di competenze trasversali e team multidisciplinari.

“Se avessimo imposto all’editore un testo espressione della nostra proposta tecnologica per Industria 4.0 avremmo ottenuto un buonissimo prodotto di marketing operativo, ma con obiettivi e riscontri diversi da quanto avviato con Heopli – aggiunge Laura Bruni -. Viceversa, se l’editore o il mondo scolastico ci avessero indicato strade vincolanti, si sarebbe snaturato quel “profumo” di mercato che sta nell’autorevolezza di Schneider Electric”.

Esperienza tradotta su carta nel mix ideale di tecnologie, conoscenze e applicazioni legate allo smart manufacturing del progetto editoriale Industria 4.0, significativo esempio di cosa significhi promuovere cultura digitale considerando le attuali necessità della scuola, dell’impresa e del mercato.

Giovanni Hoepli“In questa stimolante “avventura” professionale con Schneider Electric – commenta Giovanni Ulrico Hoepli, Amministratore Delegato di Hoepli -, ho particolarmente apprezzato quell’idea di una tecnologia che entra nel mondo scolastico integrandosi al cartaceo, per soddisfare la nuova esigenza di competenze trasversali. Si conferma, ancora una volta, la storica mission della nostra casa editrice: pubblicare testi utili a “insegnare” a qualcuno un lavoro o un’applicazione, per consentire ai professionisti di cogliere anche le opportunità più sfidanti. Quando si incontrano persone preparate e lungimiranti come i nostri interlocutori di Schneider Electric il successo è assicurato”.

E così è stato, dato che la visione integrata del progetto Industria 4.0 ha già aperto la strada a percorsi formativi finora inesplorati. Il testo, che comprende anche un’ampia sezione di contenuti multimediali per la didattica laboratoriale, ha raggiunto infatti in questi mesi diverse realtà scolastiche – Istituti di Istruzione Tecnica Superiore, Centri di Formazione Professionale, Istituti Tecnici Superiori e Università -, rivelandosi uno strumento altrettanto efficace per spingere la trasformazione digitale oltre i percorsi formativi, registrando l’interesse di aziende e professionisti.

Il segreto della ricetta editoriale vincente?

Impossibile non pensare ai due autori dell’innovativa ricetta “cucinata” da Schneider Electric e Hoepli, Fabrizio Cerri e Salvino Zocco.

Figure professionali diverse, storica firma di testi scolastici, il primo, ed esperto di automazione e tecnologie smart, il secondo, sapientemente integrate nel processo didattico multidisciplinare a valore aggiunto del libro Industria 4.0.

“Prima di elaborare il testo, entrambi hanno partecipato con entusiasmo all’esperienza formativa della nostra Accademia ITS Smart Manufacturing Project – racconta Laura Bruni -, immergendosi nel concetto di integrazione dei processi aziendali e ragionando su come tradurre questa atmosfera in logiche applicative utili agli studenti. Se Cerri ha saputo trasferire la nuova cultura digitale negli esercizi e nella componente pratica del libro, a Zocco è spettato il compito di elevare le potenzialità professionali dei giovani, facendoli sentire protagonisti del percorso formativo. Non poteva mancare, inoltre, la sensibilità dei professionisti che hanno revisionato il testo offrendoci preziosi suggerimenti”.

Efficace integrazione di questi ingredienti vincenti, la value proposition offerta dal volume Industria 4.0 agli sviluppi tecnologici ed economici dell’intero sistema Paese italiano.

Studenti, docenti, professionisti e aziende si rispecchiano nella visione corale di Industria 4.0

Una coralità di intenti, visioni e azioni sulla trasformazione digitale pronta a fare la differenza anche nei prossimi passi della collana editoriale e nel futuro della collaborazione tra Schneider Electric e Hoepli.

Maria Cecilia Chiappani
Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 155 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.