Reinventare gli edifici per guidare la trasformazione delle città

Sostenibilità, connettività, efficienza energetica, flessibilità sono alcune delle tappe obbligate per costruire le smart city e uno dei primo passi è sicuramente reinventare gli edifici

Gli edifici sono i pilastri delle moderne città intelligenti e nell’economia digitale sta emergendo una nuova generazione di costruzioni basata sulla consapevolezza che sia necessario cambiare il modo nel quale vengono progettate. I progressi nelle tecnologie basate su cloud e IoT  (Internet of Things) stanno creando nuove opportunità che consentono di comprendere come si comportano edifici. Questo consente di raccogliere dati e analizzarli in modo da gestirli in modo ottimale. Allo stesso tempo cambiano le esigenze delle persone che richiedono sempre più controllo sullo spazio, maggiore comfort e connettività. Tutto questo porta a reinventare gli edifici e soprattutto l’esperienza delle persone che li vivono.

I megatrend che stanno guidando il cambiamento

Laurent Bataille Innovation Summit Barcelona“Ci sono alcuni megatrend che stanno fortemente modificando città ed edifici – ha sottolineato Laurent Bataille Division Executive VP, Digital Energy durante l’Innovation Summit Barcelona -. Stiamo affrontando una transizione storica con la più grande migrazione urbana di tutti i tempi. Si stima che 2,5 miliardi di persone si trasferiranno nelle città entro il 2050. Questo significa che bisogna pensare a nuovi modelli di città basati su efficienza energetica e integrazione delle energie rinnovabili, regolamentazione rigorosa, maggior comfort per gli utenti e soprattutto proporre edifici attrattivi. Ovviamente non è solo l’urbanizzazione che porta a trasformare le città, ma anche la digitalizzazione e il sempre maggiore consumo dell’energia“.

La crescita di dati, informazioni e dispositivi connessi è esponenziale: nel 2014 c’erano circa 1,7 miliardi di dispositivi connessi negli edifici, nel 2020 saranno almeno il triplo. È dunque necessaria una tecnologia che consenta l’accesso ai dati in modo efficace ed efficiente: infrastruttura di rete ad alta velocità, sistemi OT che espongono i  dati in modo naturale, repository di dati nel cloud, software e app in grado di migliorare manutenzione, performance.

Infine, il consumo mondiale di elettricità aumenterà del 60% nei prossimi 20 anni e quasi il 60% di tale elettricità sarà utilizzata negli edifici. Questo porterà alla conseguente necessità di:

  • puntare sull’autoproduzione di energia attraverso il fotovoltaico e l’accumulo energetico;
  • gestione intelligente delle diverse fonti energetiche decentralizzate e discontinue;
  • sistemi di ottimizzazione in grado di garantire l’affidabilità dell’energia elettrica;
  • maggiore efficienza energetica.

Reinventare gli edifici ottimizzando i dati

“Quello che stiamo facendo in Schneider Electric è progettare edifici in modo diverso. Stiamo reinventando gli edifici grazie a una tecnologia aperta e innovativa che consenta di utilizzare meno risorse (spazio, energia), di funzionare alla massima efficienza e garantire maggior comfort e produttività per gli occupanti, attraverso prodotti e soluzioni integrate, semplici e connesse” ha aggiunto Bataille.

Purtroppo, però, la maggior parte degli edifici in cui viviamo sono ancora concepiti in modo non efficiente e soprattutto non ottimizzati: sistemi che non dialogano tra loro, reti chiuse, mancanza di disponibilità dei dati… lontani dal fornire un valore concreto per il cliente.

La soluzione non è sicuramente semplice, questo caos di informazioni e dati – come sottolineato da Laurent Bataille – comporta costi operativi elevati per tutto il ciclo di vita di un edificio e per la manutenzione. Ma soprattutto impedisce agli utenti e ai gestori di sfruttare appieno il potenziale dei loro edifici.

Riuscire a mettere ordine tra i dati e avere la possibilità di analizzarli permette di aumentare l’efficienza anche del 30%, migliorare il comfort generale, ridurre l’incidenza della manutenzione, implementare lo spazio anche del 15%.

Il valore che è possibile raggiungere negli edifici si concentra su 4 pilastri:

  1.  più coinvolgimento attraverso un ambiente confortevole che migliora la produttività;
  2. iper-efficiente grazie alla connettività, i big data e l’analisi degli stessi;
  3. sostenibile con un’impronta di carbonio limitata e in grado di ottimizzare l’efficienza energetica attraverso soluzioni intelligenti;
  4. sempre semplice, edifici più facili, più veloci, più economici da installare, gestire e utilizzare.

Reinventare gli edifici Schneider Electric

La soluzione: EcoStruxure Building

Come raggiungere questi risultati? Schneider Electric propone EcoStruxure, una piattaforma aperta e innovativa con un approccio diverso: flessibilità, scalabilità, pronta per il futuro e configurata per edifici, data center, infrastrutture e industrie. Innovazione a tutti i livelli, dai prodotti connessi al controllo dei confini, alle app, agli strumenti analitici e ai servizi.

EcoStruxure Building offre veramente tante innovazioni per reinventare gli edifici – ha concluso Laurent Bataille -. Aiuta a creare valore non solo in termini di efficienza energetica, ma in termini di integrazione, operatività, progettazione. Aumenta il comfort e la produttività e al tempo stesso consente di aumentare il valore immobiliare nel lungo termine”.

Avatar
Informazioni su Alessia Varalda 1298 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.