Smart Home Overview: i 5 driver della casa connessa

I numeri della casa connessa crescono a doppia cifra, soprattutto in Europa: driver di mercato e sviluppi tecnologici nella Smart Home Overview di Navigant Research

smart home Overview driver della casa connessa

La smart home non è la casa del futuro. Da mercato emergente, chiacchierato e analizzato in ogni sua sfaccettatura, l’IoT domestico già rivoluziona il modo in cui interagiamo con la tecnologia all’interno di casa e, di conseguenza, il nostro vivere quotidiano. Gli oggetti connessi, i software e i servizi digitali che accompagnano lo sviluppo della smart home non solo anticipano le necessità degli utenti, con intelligenza artificiale e interazioni in tempo reale, ma offrono opportunità concrete ad aziende di tecnologia e service provider.

Come affrontare una sfida così reale? Nell’ultima Smart Home Overview, Navigant Research parla di uscire dai tradizionali modelli di business, fidelizzare la consapevolezza dei consumatori e creare nuovi canali di guadagno.

Smart Home Overview: quanto conta il mercato europeo

Il percorso globale della smart home approderà dai 3,2 miliardi di dollari nel 2019 a 14,3 miliardi entro il 2028. Il tasso di crescita annuale (CAGR) del 18,1% non lascia dubbi circa le potenzialità tutte da sfruttare dell’integrazione nel mondo residenziale. Ancor più sorprendente il dato europeo: in poco meno di un decennio la casa connessa varrà 5,2 miliardi di dollari. Ecco come il ritmo di crescita annuale del 20,6% trasformerà i 965.4 milioni di dollari stimati nel 2019.

Protagoniste della smart home piattaforme come Amazon Echo, Google Home e Apple HomeKit, con tutto il “bagaglio” dei tanto amati comandi vocali. In questo clima di ottimismo non mancano naturalmente gli ostacoli: dall’interoperabilità degli oggetti e degli impianti connessi, alla sicurezza dei dati personali, passando per il costo ancora elevato delle soluzioni smart.

Ciò non toglie che la smart home si trovi in cima alla lista dei desideri di tanti clienti finali e stia confermando il passaggio da mercato emergente a settore mainstream.

Oggetti connessi, software e servizi digitali accompagnano lo sviluppo di una smart home sempre più concreta e realizzabile

smart home grafico da Smart Home Overview Navigant Research

I 5 driver della casa connessa

Tra i fattori di questa rivoluzione, Navigant Research identifica 5 specifici driver di sviluppo per la smart home:

  1. smart device: gli oggetti connessi aumentano costantemente e le proposte tecnologiche IoT delle aziende sono molto apprezzate dai consumatori;
  2. opportunità dai dati: l’interconnessione di dispositivi consente la raccolta di dati da analizzare per migliorare benessere degli utenti e offerta di prodotti e servizi;
  3. comando vocale: il trend per eccellenza della smart home spinge verso ulteriori miglioramenti tecnologici che contribuiscono al boom del settore;
  4. trasversalità: da applicazione d’élite, la smart home diventa un’opportunità per tutti i consumatori, attraverso nuovi servizi e soluzioni studiati per un ampio bacino di utenza;
  5. installazione, supporto e consulenza: per aumentare la consapevolezza dei clienti e il loro grado di soddisfazione, le aziende investono in servizi a valore aggiunto per chi sceglie la smart home.

Senza trascurare le criticità tecnologiche e “culturali” che ancora affettano l’evoluzione degli ecosistemi IoT domestici, la strada tracciata dalla Smart Home Overview ci sembra ben avviata e percorribile. Agli attori del mercato il compito di interpretare al meglio le aspettative dei clienti finali per garantire “vento in poppa” allo sviluppo della casa connessa.

Maria Cecilia Chiappani
Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 243 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.