Il futuro delle green city? Dagli edifici green alla città sostenibile

Edifici green e cittadini consapevoli sono la chiave della trasformazione urbana. Lo scenario italiano delle green city nel convegno di MCE, Green Building Council e Politecnico di Milano

GBC Green City

Milano testimonial delle green city: mai come oggi, nella metropoli lombarda, pensare e realizzare una città sostenibile significa innescare visioni inclusive di smart building, risparmio energetico e comportamenti virtuosi.

Una sfida importante per il futuro del pianeta, come per la nostra stessa sopravvivenza, che supera la consolidata componente tecnologica per toccare le menti e le azioni dei cittadini, primi interlocutori della trasformazione green.

Ecco il significato del convegno “Green City: the “new normal”. Dagli edifici green alla città sostenibile per tutti” promosso da MCE – Mostra Convegno Expocomfort, Green Building Council e Politecnico di Milano in occasione della Settimana delle Energie Sostenibili, per ribadire la centralità della riqualificazione energetica e delle politiche eco-friendly nel cammino strategico verso le future smart city.

Perché le green city sono “new normal”?

Il significato di “new normal” apre la strada a una visione condivisa della sostenibilità energetica e ambientale su scala urbana. Un rinascimento green che la città di Milano incarna ormai da tempo, espresso dai relatori intervenuti in un affascinante sguardo d’insieme dell’evoluzione della smart city.

convegno Green city MilanoIl fil rouge che collega edifici green e riqualificazione edilizia si chiama efficienza energetica – commenta in apertura Vittorio Chiesa, professore ordinario presso il Dipartimento di Ingegneria Gestionale e direttore dell’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano -. La gestione dell’energia rappresenta infatti il cuore nevralgico della sostenibilità urbana: il matrimonio tra comfort abitativo e dimensione ambientale si celebra proprio nel sistema-edificio”.

Un cambiamento smart che poggia su 4 fattori:

  • fonti rinnovabili;
  • efficienza energetica;
  • digitalizzazione;
  • utente finale.

Dalle tecnologie abilitanti al lato progettuale, fino alla sensibilizzazione dei consumatori, serve ragionare in ottica di integrazione e di interdisciplinarietà, espresse nel dialogo attivo tra architettura, impiantistica, strategie digitali e politiche sociali.

MCE in the City: sostenibilità a misura di cittadino

La necessaria connessione tra green city e consapevolezza dei cittadini emerge anche dalle parole di Massimiliano Pierini, Managing Director di Reed Exhibitions Italia: “Mi piace pensare all’iniziativa di oggi, momento di confronto tra operatori del settore e comunità scientifica, come un trampolino di lancio verso le tematiche che affronteremo a MCE 2020”.

Nella speciale sinergia con la Settimana delle Energie Sostenibili, promossa dal Comune di Milano, la manifestazione MCE in the City punta proprio a toccare la mente degli utenti finali, verso l’adozione di tecnologie e comportamenti virtuosi.

“Un cambio di rotta doveroso, per chi come noi ha il compito di portare cultura anche attraverso gli appuntamenti fieristici – aggiunge Pierini -. Ecco la molla che ci ha spinto a creare, già nel 2018, questa “connessione” con i cittadini milanesi, attraverso postazioni che spiegano loro come utilizzare l’energia in modo responsabile e migliorare la qualità dell’aria”.

Non è un caso, dunque, che il viaggio italiano e internazionale delle green city parta da Milano, centro urbano all’avanguardia nella mobilità elettrica, nella riqualificazione energetica e nella digitalizzazione di processi e servizi.

green city convegnoMilano è da sempre la città delle mille opportunità, ma anche dei mille riscaldamenti accesi e del grigiore dovuto all’inquinamento – commenta Giuliano Dall’Ò, presidente di Green Building Council Italia -. Pensarla “new normal” significa considerare invece positivamente i traguardi degli ultimi anni, perché si prosegua in questa direzione green. La giornata di oggi vuole essere un tributo a questa città policentrica, emblema di modernità, efficienza e trasformazione digitale”.

Il successo di un intervento urbanistico, secondo il presidente Dall’Ò, si misura dalla partecipazione dei cittadini: altro obiettivo raggiunto, a giudicare dal successo delle recenti opere di riqualificazione di alcuni quartieri chiave di Milano. Un tema, quello del verde che “combatte” il grigiore delle metropoli, particolarmente caro anche all’architetto Stefano Boeri, intervenuto tramite un video per sottolineare come lo sviluppo di “foreste” urbane (vedi il Bosco Verticale), sia innegabilmente legato al concetto di comunità.

Senza il diretto coinvolgimento dei cittadini nella cultura della sostenibilità e del verde, non potrebbero infatti nascere stili di vita più sostenibili e, di conseguenza, esempi virtuosi come il famoso condominio milanese.

Green city significa ripensare i centri urbani attraverso una visione inclusiva e condivisa della sostenibilità ambientale ed energetica

Green city: le 12 sfide urbane per lo sviluppo sostenibile

Spetta a Edoardo Croci, docente della Bocconi, rappresentante del Gruppo di Lavoro SDG11 di ASviS e presidente della Fondazione Ambiente Milano, collocare quanto osservato dai precedenti relatori nel concreto di quanto previsto dalle due agende urbane, quella dell’ONU e in particolare quella dell’Unione Europea, che condividono l’identica visione di uno sviluppo sostenibile, inclusivo e integrato delle nostre città.

Ecco le 12 sfide lanciate alle città europee dal “Patto di Amsterdam” del 2016:

  • qualità dell’aria;
  • housing;
  • povertà urbana;
  • economia circolare;
  • adattamento ai cambiamenti climatici;
  • transizione energetica;
  • mobilità urbana;
  •  transizione digitale;
  • appalti pubblici innovativi e responsabili;
  • posti di lavoro e competenze professionali nell’economia locale;
  • uso sostenibile del territorio e soluzioni fondate sulla natura;
  • integrazione dei migranti e dei rifugiati.

“Milano sta facendo la sua parte in quest’ottica – conclude Marco Granelli, Assessore a Mobilità e Ambiente del capoluogo lombardo -. La mobilità elettrica nel trasporto urbano e la riqualificazione degli impianti di riscaldamento di migliaia di alloggi pubblici sono i primi e simbolici passi di una sfida sostenibile che investirà quasi interamente il patrimonio edilizio di Milano. Solo una grande alleanza tra istituzioni, cittadini e imprese può aiutare la nostra green city a raggiungere nuovi obiettivi di efficienza, benessere e tutela ambientale”.

Maria Cecilia Chiappani
Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 181 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.