Storie di efficienza energetica nei comuni italiani

Tra efficienza energetica, teleriscaldamento e illuminazione pubblica a LED: le best practice tutte italiane di Engie migliorano la qualità di vita dei cittadini

Storie di efficienza energetica nei comuni italiani

Operazione efficienza energetica, su tutto il territorio italiano: ecco l’impegno di Engie nella valorizzazione di edifici, aziende, strade e ambienti urbani con energia al 100% green. Il percorso green ha già toccato 10mila edifici e continua nella gestione energetica di 300 comuni, 450mila punti luce, 12 reti di teleriscaldamento e 20 impianti di cogenerazione.

Best practice che fanno bene all’ambiente, alla salute, alla transizione energetica e al portafogli di amministrazioni e cittadini.

Diamo un’occhiata agli ultimi traguardi efficienti delle città italiane.

Biella: il teleriscaldamento raggiunge un cittadino su due

banca dati efficienza energeticaLa rete di teleriscaldamento realizzata da Engie Italia a Biella evita l’emissione in atmosfera dell’equivalente dell’anidride carbonica assorbita da 200mila alberi. Un progetto che cresce e raggiunge nuovi quartieri, toccando circa un abitante su due. Confermano la bontà dell’iniziativa i dati sulla qualità dell’aria in città: nei primi due mesi del 2019 il livello di polveri sottili nella centralina di riferimento ha superato solo per due giorni il valore di soglia dei 50 microgrammi per metro cubo di media quotidiana. Questo d’inverno, con gli impianti di riscaldamento in funzione e in un periodo di siccità.

“Siamo impegnati nella lotta ai cambiamenti climatici e nel ridurre l’impatto dell’inquinamento sulla salute – spiega Matthieu Bonvoisin Direttore Teleriscaldamento e Cogenerazione Engie Italia -. La tecnologia ci viene in aiuto: utilizzando sistemi all’avanguardia più efficienti rispetto a quelli tradizionali, il teleriscaldamento migliora la qualità dell’aria e della vita dei cittadini”. Un viaggio sostenibile che porterà Biella al -25% di emissioni di CO2 ogni anno.

Efficienza energetica e zero emissioni anche a Cinisello

Dal Piemonte al cuore della Lombardia, il player dell’energia ha recentemente acquisito il pieno controllo operativo della società che gestisce la rete di teleriscaldamento di Cinisello. Oggi il servizio copre 18.000 abitanti (circa 50 GWh all’anno) e garantisce, anche in questo caso, una riduzione di oltre il 25% delle emissioni inquinanti (CO2 e NOx).

Una scelta efficiente e particolarmente evoluta anche in termini di sicurezza, almeno per due motivi:

  • elimina i pericoli legati alla presenza di caldaie dentro le abitazioni;
  • garantisce continuità di servizio 365 giorni l’anno, 24 ore su 24.

Illuminazione pubblica a LED: il caso di Monterotondo

Fare smart city significa anche pensare a una illuminazione pubblica più efficiente e sostenibile. Come quella che cambierà il volto del Comune di Monterotondo: l’intervento permetterà all’amministrazione di aumentare l’efficienza energetica diminuendo, al contempo, il consumo annuo di energia elettrica (1 milione di kWh contro gli attuali 3 milioni di kWh).

Come ottenere un simile risparmio? Il progetto prevede la sostituzione degli attuali corpi illuminanti con oltre 4.000 lampade a LED entro novembre 2019. Inoltre, l’azienda si occuperà dell’adeguamento normativo degli impianti elettrici e della sostituzione delle lanterne semaforiche.

Un intervento smart non solo nella raccolta dati all’interno dei sistemi informatici del comune, ma anche nel coinvolgimento dei cittadini. A ogni palo della luce sarà infatti assegnato un QR code ben visibile: chiunque dovesse riscontrare un guasto, lo potrà segnalare a Engie in modo semplice e immediato.

Fare rete ed efficienza energetica nelle smart city bresciane

Ultimo esempio, il progetto di efficientamento energetico avviato insieme a 21 comuni della provincia di Brescia. Un virtuoso esempio di partnership pubblico-privato che promette un risparmio energetico superiore al 70% e una riduzione dell’inquinamento equivalente alla mancata circolazione di circa 700 veicoli.

Gli interventi promossi sul territorio bresciano prevedono:

  • retrofit di 23.000 punti luce con tecnologia LED, a coprire il 90% del territorio;
  • 70 km di nuove linee elettriche e cavidotti;
  • progetto smart city: unità wi-fi, videocamere e centraline meteo;
  • servizi al cittadino H24 e 7/7 per la raccolta delle segnalazioni.

La proposta si è dimostrata vincente, nel vero senso della parola: con il progetto bresciano Engie Italia ha vinto il premio “Best Practice Patrimoni Pubblici 2019”, nella categoria “Gestione e riqualificazione energetica della rete di illuminazione pubblica”, in occasione del 13esimo Forum Nazionale sui Patrimoni Immobiliari Urbani Territoriali Pubblici.

Maria Cecilia Chiappani
Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 224 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.